Alfa Romeo Giulia Veloce: trazione integrale Q4 per la nuova berlina sportiva

Di , scritto il 12 Dicembre 2016

Difficile restare indifferenti davanti alla nuova versione dell’Alfa Romeo Giulia Veloce, una grintosa berlina (prodotta a Cassino) che sfrutta il sistema di trazione integrale Q4 (quello che abbiamo già trovato sul SUV Stelvio) e disponibile in due potenti motorizzazioni da 210 CV a gasolio e da 280 CV a benzina. Entrambi i motori hanno sovralimentazione turbo e sono accompagnati da un cambio automatico a 8 marce. Il turbodiesel è del tutto nuovo in un modello FCA, si tratta di un 4 cilindri 2.2 Multijet interamente in alluminio, capace di sviluppare una notevolissima coppia massima di 470 Nm a bassi regimi, ovvero di garantire prestazioni estremamente scattanti. Altrettanto notevole la motorizzazione turbo benzina 4 cilindri: 400 Nm con 280 CV di potenza.
Dal punto di vista estetico, nella nuova Alfa Romeo Giulia Veloce si notano subito gli innovativi paraurti, l?estrattore posteriore col doppio terminale di scarico, i cerchi in lega da 19 pollici e i fari allo xeno. Tra i dispositivi preposti alla sicurezza sicurezza, i più importanti sono l?avviso di collisione frontale con frenata d?emergenza automatica e il sistema di riconoscimento dei pedoni, nonché il cruise control con limitatore di velocità. Nell’abitacolo, estremamente sportivo spiccano i sedili in pelle traforata (disponibili in tre tonalità diverse), il volante sportivo riscaldabile e gli inserti in alluminio.
Sono di serie il climatizzatore bizona e il sistema d?infotainment Alfa Connect con schermo da 6,5 pollici. I prezzi della Giulia Veloce diesel partono da 50.500 euro e da 54.500 per la motorizzazione a benzina.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009