Lancia Ypsilon Unyca: una serie speciale, più elegante che mai

Di , scritto il 27 Marzo 2017

Lancia Ypsilon Unyca è una serie speciale che piacerà molto al pubblico femminile grazie alla sua grande eleganza e sportività. Il nuovo tocco della serie è costituito soprattutto dalle finiture estetiche interne ed esterne. Tra le livree della carrozzeria esordisce la nuova vernice pastello Blu Velvet, sono però disponibili altre tre colorazioni pastello, Rosso Argilla, Bianco Neve e Grigio Carrara e le metallizzate Grigio Pietra e Nero Vulcano.

Nell’abitacolo il cliente può scegliere tra due diverse caratterizzazioni “Blu Laser” e “Bianco Laser”. In entrambe le varianti, gli schienali presentano inediti inserti di colore grigio sfumato, i poggiatesta anteriori sono impreziositi al centro dal logo “Y”, mentre il cruscotto e i pannelli delle portiere sono di colore grigio con effetto gommato soft touch.

Per quanto riguarda le motorizzazioni, si può scegliere tra benzina, gasolio ed ecoChic a doppia alimentazione. Per la precisione sono disponibili il 1.2 da 69 CV, lo 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV abbinato al cambio robotizzato, il 1.3 Multijet II 95 CV, il 1.2 GPL/Benzina da 69 CV e il bicilindrico 0.9 TwinAir Turbo Metano/Benzina da 80 CV che fa registrare basse emissioni pur garantendo prestazioni brillanti.

Siamo quindi di fronte a una nuova vettura che abbina magnificamente raffinatezza casual e dinamismo, sviluppata sulla base dell’allestimento Silver. Al lancio, il prezzo promozionale è di 10.050 euro sulla pronta consegna in caso di permuta o rottamazione, che diventano 9050 euro in caso di finanziamento. Per chi restituisce la sua vecchia Ypsilon, un ulteriore vantaggio di 450 euro e un prezzo promozionale di 8600 euro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009