Harley-Davidson Street Rod: 750 cc e ciclistica innovativa

Di , scritto il 28 Marzo 2017

La nuova Street Rod di Harley-Davidson è una moto estremamente originale, con un corpo stretto e muscoloso, uno stile Dark Custom, molto leggera e agile. Un modello che può dare il meglio di sé in città – come dice il suo nome.

Sotto la livrea nera pulsa il motore bicilindrico a V raffreddato a liquido High Output Revolution X da 749 cc che accresce la potenza massima del 20% rispetto ai modelli precedenti e porta la coppia massima a 65 Nm. Il bicilindrico è stato studiato per dare il meglio di sé tra i 4mila e i 5mila giri, l’intervallo più utilizzato in città. Altre novità per il propulsore sono la grande e capiente air-box, i due nuovi corpi farfallati da 42 mm, le inedite testate a quattro valvole, e gli alberi a camme in posizione rialzata, oltre al volume maggiore del silenziatore di scarico. Ne risulta una moto più reattiva e scattante.

Anche la ciclistica è altamente innovativa: cerchi in alluminio a razze, entrambi da 17 pollici. Sella alta (765 mm da terra), serbatoio da 13,2 litri. La forcella è a steli rovesciati da 43 mm (e spariscono dunque i soffietti in gomma), mentre i nuovi ammortizzatori posteriori dispongono di un serbatoio esterno che aumenta la capacità dell’olio e mantiene un livello di smorzamento costante. Nuove anche le leve del cambio e del freno, le pedane posteriori sono in alluminio, mentre il manubrio è dritto per una posizione di guida più aggressiva, con alle estremità i nuovi specchietti retrovisori. L’impianto frenante è costituito da un doppio freno a disco anteriore da 300 mm e prevede l’Abs di serie.

La Street Rod costa 8700 euro ed è disponibile nei colori Vivid Black, Charcoal Denim e Olive Gold (verde).



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009