Mini Paceman sul mercato: ecco gli allestimenti

Di , scritto il 02 Novembre 2012

La Mini Paceman è pronta per il debutto nelle concessionarie: sono infatti stati rivelati gli allestimenti e i prezzi.

Questa nuova vettura proveniente dal gruppo BMW cerca di coniugare diversi punti di forza: da un lato quello dell’appartenenza al filone dei crossover moderni, quasi tendenti al coupé, tanto in voga negli ultimi anni, e dall’altro lo sfruttamento di quelle soluzioni di stile e design che hanno fatto la fortuna di molti modelli Mini. E infatti l’estetica è quella tipica Mini, alla quale si affiancano un ampio parco motori e dotazioni di serie di tutto rispetto. Il modello base è dotato di motore 1.6 benzina da 122 CV, e sarà in vendita a 24.500 euro. A seguire, troviamo i modelli D con motore diesel 1.6 da 112 CV, realizzati sia a trazione anteriore che integrale All4, e sia con cambio manuale che automatico (in questo caso il motore è un 2.0 diesel della stessa potenza). Gli allestimenti S hanno un motore 1.6 turbo da 184 CV, e infine al top della gamma troviamo le SD con motore 2.0 diesel da 143 CV.

Di seguito vi proponiamo il listino prezzi dettagliato:

Cooper: 24.500 euro
Cooper D: 26.200 euro
Cooper D Automatica: 27.900 euro
Cooper D All4: 27.950 euro
Cooper D All4 Automatica: 29.650 euro
Cooper S: 28.950 euro
Cooper S All4: 30.500 euro
Cooper SD: 29.950 euro
Cooper SD All4: 31.500 euro

 


1 commento su “Mini Paceman sul mercato: ecco gli allestimenti”
  1. Mini Countryman my 2013, gli aggiornamenti – Panorama Auto | Economia e Finanza ha detto:

    […] in arrivo motori Euro 6Motori.itMini, molte novita' negli interni della Countryman 2013ANSA.itSoloMotori -Automania -autoblog.it (Blog)tutte le notizie […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009