Mercedes Classe B 250: un monovolume ibrido plug-in

Di , scritto il 03 Marzo 2021

Questo monovolume Mercedes è solido, pratico e funzionale, con buone dotazioni tecnologiche e sempre elegante come ben sappiamo sulla Classe B 250. Soprattutto è amica dell’ambiente, in quanto si tratta di veicolo ibrido plug-in, ovvero con ricarica esterna delle batterie (conviene a chi ha la possibilità di installare nel proprio box una colonnina per la ricarica elettrica). La trazione ibrida elettrica su questo modello permette di percorrere oltre 70 km a zero emissioni, un’autonomia davvero notevole. Questa efficienza è dovuta al connubio fra il motore 1.3 turbo benzina e l?unità elettrica che insieme sviluppano 160 kW di potenza (218 CV) e ben 450 Nm di coppia. Questo si traduce in eccellenti prestazioni in accelerazione e in ripresa e un consumo medio di 3,5 litri per ben 100 chilometri. Si consiglia tuttavia di cominciare un viaggio con le batterie completamente cariche, per non attivare l?overboost del motore elettrico che fa salire i consumi (fino a 5,9 litri per 100 km).

Con i suoi 4,427 metri di lunghezza, il veicolo è decisamente spazioso, sia nell’abitacolo che nel bagagliaio. Gli interni sono però il vero fiore all’occhiello, soprattutto grazie al sistema multimediale MBUX, di serie su tutte le versioni, che risponde a comandi vocali e gestuali. Di serie anche la telecamera posteriore, i servizi connessi Mercedes Me e i fari LED High Performance. I prezzi del nuovo monovolume vanno da 41.500 a 44.700 euro.

1 commento su “Mercedes Classe B 250: un monovolume ibrido plug-in”
  1. Guido M. ha detto:

    Interessante, ma la Mercedes Classe B non mi è mai piaciuta.. mi sembra una forzatura per un marchio come quello della Stella


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009