Chrysler Ypsilon, la riedizione statunitense della vecchia Lancia

Di , scritto il 03 Ottobre 2011

E’ atteso a breve l’arrivo sul mercato della nuova Chrysler Ypsilon, evoluzione naturale della ben nota Lancia Ypsilon. La commercializzazione europea partirà dalla Gran Bretagna, per poi continuare gradualmente nei restanti paesi.

La stretta parentela con la vecchia Lancia Ypsilon è subito evidente dall’aspetto esteriore, con il design che non cambia molto: citycar compatta, forme arrotondate, parte frontale affusolata, posteriore spiovente forse un po’ più basso e schiacciato rispetto alla Lancia. Le uniche differenze sostanziali sono ovviamente nel logo, e nella calandra frontale molto più massiccia e appariscente. La carrozzeria sarà disponibile in ben sedici differenti colorazioni, tra cui vi saranno possibili scelte e combinazioni molto particolari, oltre che ben tre tipi di cerchi in lega, a conferma di una certa ricercatezza estetica. Molto ricche le dotazioni di sicurezza, che prevedono ABS, ESP con ASR e Hill Holder, fino a 6 airbag. I motori disponibili saranno, oltre ai canonici 1.2 a benzina da 69 CV e 1.3 turbodiesel Multijet da 95 CV, anche l’inedito 0.9 TwinAir da 85 CV: tutti gli allestimenti disponibili saranno associati a cambio manuale a 5 marce e avranno in dotazione il sistema Start&Stop.

Nelle intenzioni della Chrysler, oltre naturalmente al restante mercato europeo non dovrebbe mancare la distribuzione anche sul mercato statunitense. Per un’idea precisa sui prezzi dovremo invece aspettare ancora un po’, al massimo qualche settimana.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Chrysler Ypsilon, la riedizione statunitense della vecchia Lancia”
  1. francesco ha detto:

    Grande Sergio!!!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009