Nuova Volkswagen Polo GTI, più dinamica che mai

Di , scritto il 05 Gennaio 2018

Con il nuovo modello della Volkswagen Polo GTI si supera la soglia dei 200 CV, entrando così nell’ambito delle vere sportive quanto a potenza. La nuova declinazione della Polo GTI ha sotto il cofano un motore 2.0 turbo a iniezione diretta, che sostituisce il precedente 1.8. Questa compatta sportiva di grande carattere è disponibile in versione con assetto sportivo standard oppure, a richiesta, con l’assetto Sport Select, caratterizzato da sospensioni regolabili. Invece è di serie il differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS.

Sul lato estetico alcuni particolari sottolineano il carattere sportivo della nuova Polo GTI: un doppio terminale di scarico cromato, i cerchi in lega leggera da 17 pollici con pneumatici 215/45, le pinze dei freni rosse e i paraurti sportivi con sottoporta maggiorati. Resta invariata la famosa linea rossa, presente sulla calandra di tutti i modelli GTI. Sul fronte della sicurezza sono presenti il sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore, il sistema Front Assist con funzione di frenata di emergenza City e riconoscimento dei pedoni, la frenata anti-collisione multipla. A livello multimediale segnaliamo la presenza del sistema VW Connect e di un sistema audio con 6 altoparlanti, USB e Bluetooth.

Il motore è un 4 cilindri Euro 6, che consente un?accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 6,7 secondi, raggiungendo una velocità massima di 237 chilometri orari. Il propulsore è estremamente efficiente, in quanto consuma mediamente solo 5,9 litri per 100 chilometri. Il cambio è un doppia frizione DSG a 6 rapporti. Il prezzo della nuova Volkswagen Polo GTI sul mercato italiano si aggira sui 25.500 euro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009