Chevrolet Trax, un crossover per tutti i gusti

Di , scritto il 05 Marzo 2013

Arriva sul mercato italiano la Chevrolet Trax, SUV compatto ricco di sorprese.

Questo crossover statunitense si distingue infatti per la sua capacità di coniugare perfettamente linee aggressive, versatilità, potenza, comfort. Il design è infatti caratterizzato da una parte frontale con un’ampia presa d’aria e una fascia paraurti molto imponente, un cofano motore dalle forme arrotondate, cerchi in lega argentati, gruppi ottici posteriori allungati sulle fiancate, e un profilo aerodinamico ma dalle linee squadrate e decise. Allo stesso tempo, i suoi 4.25 metri di lunghezza lo rendono particolarmente agevole per un utilizzo cittadino, mentre gli interni sono all’insegna del comfort per i passeggeri e vantano anche un portabagagli da ben 365 litri di capienza. L’offerta si articola su tre allestimenti: LS, LT e LTZ. La dotazione di serie per il modello LS prevede climatizzatore manuale, sensori di parcheggio, cerchi in lega da 16 pollici, ABS, 6 airbag, radio CD/MP3 con volante multifunzione, e controllo di stabilità. Sulla LT troviamo il climatizzatore automatico, i cerchi in lega da 18 pollici, il sistema di infotainment Chevrolet MyLink, la telecamera posteriore, i rivestimenti interni in pelle e tessuto, e il controllo della velocità in discesa. Infine la LTZ aggiunge diverse finiture estetiche e alcune dotazioni aggiuntive tra cui il tettuccio apribile elettricamente. I motori a disposizione, abbinati al sistema Start&Stop, sono il 1.6 benzina da 105 CV, il 1.4 Turbo da 140 CV, e il 1.7 Turbodiesel da 13o CV.

Chevrolet Trax è già preordinabile, con un listino prezzi che parte da 19.150 euro. Le consegne avranno inizio nel mese di maggio.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009