Auto e Moto d’Epoca: a Padova il prossimo ottobre la più importante Fiera del settore

Di , scritto il 08 Luglio 2011

“Auto e Moto d’Epoca” può considerarsi a pieno titolo il più importante Salone del settore in Italia, vista la grande quantità di pubblico che richiama da tutta Europa (oltre 60000 visitatori) e gli oltre 1600 modelli esposti nell’ultima edizione, tra auto e moto. Dunque, i veri estimatori non possono assolutamente mancare alla prossima Fiera di Auto e Moto d’Epoca, che si terrà a Padova i prossimi 27, 28, 29 e 30 ottobre 2011.

Ben 4 giorni per soddisfare tutte le curiosità degli appassionati: 90000 mq di superficie saranno suddivisi in diversi settori, che riguarderanno nello specifico case ufficiali di auto e moto, club e scuderie e registri storici di marca, commercianti italiani e esteri, compra-vendita di privati (auto e moto d’epoca, instant classic, supercars, microcar), ricambisti auto e moto e documentazione su veicoli del passato, modellismo e mirabilia, abbigliamento e oggettistica vintage, settore motoristico, musei storici, case editrici e riviste di settore, automobilia, accessori, orologi, specialità culinarie, raduni ed eventi. Insomma ce n’è davvero per tutti i gusti. Maggiori informazioni sulle modalità di ingresso o di partecipazione, su come arrivare, e altre info sull’evento, sono disponibili sul sito ufficiale della Fiera.

I biglietti sono comodamente acquistabili online presso il portale TicketOne a questo link, e hanno un costo variabile: 35 euro per il “preview ticket”, valido per il giorno di pre-apertura (27 ottobre), mentre per gli altri giorni il costo di un biglietto intero è di 18 euro. E’ possibile acquistare anche un miniabbonamento valido 2 giorni al costo di 32 euro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009