Qual è lo pneumatico giusto per la Honda CB 500?

Di , scritto il 09 Gennaio 2015

Honda-CB-750-Four-K6004La Honda CB 500 Four viene spessa definita la sorella minore della famosa 750 CB Four, ma non è affatto così. L’inizio degli anni Settanta infatti è stato con tutta probabilità per gli appassionati di motociclette uno dei periodi più ricchi, con alcuni modelli entrati nella storia. Anche la Honda fece la sua parte con il meraviglioso quattro cilindri a quattro tempi, 750 CB Four appunto, uno dei prodotti più ricercati mai prodotti. Questo modello era infatti stato pensato per andare incontro al pubblico europeo, ed è infatti contraddistinto da una grande affidabilità e soprattutto grande robustezza.

Certo per questo motivo la 750 CB Four era un po’ atipica come quattro cilindri, non avendo una guida sportiva classica, e per questo non si rivelò un grande successo fra gli amanti delle moto. Per questo motivo l’Honda decise di progettare il CB 500 Four, lavorando di nuovo tralasciando il modello appena precedente.

La moto si è rivelata uno dei maggiori successi fra i quattro cilindri, riuscendo a offrire ottime prestazioni sia in città che per i viaggi lunghi. La CB Four riunisce infatti una grande affidabilità, un design indimenticabile esaltata da finiture eccellenti a una guida leggera e fluida. E non è un caso che i modelli successivi siano derivati tutti da questa moto. L’Honda CB Four è una quattro cilindri semplice da condurre, ottima per passeggiate con poco gas, comoda di assetto, e comoda anche per il passeggero, senza strappi e sussulti.

La 500 CB Four è stata importata in Italia in tre serie dal 1971 al 1975: CB 500 K dalle strumentazioni piccole, marmitte a tromboncino “strozzato”, con colorazioni bicolore; CB 500 K2 ED è caratterizzata da strumentazioni più grandi; 500 CB K3 diversa dalle precedenti per sella, frecce, serbatoio di dimensioni maggiorate e da un disegno diverso, la foggia degli scarichi diventa più lineare.

Il primo modello ha un motore quattro cilindri a quattro tempi con la distribuzione monoalbero, ad alesaggio e corsa 56×60. La cilindrata è di 498.5 cc, con compressione 9:1 e una potenza massima da 50 CV a 9.000 giri al minuto.  Le ruote hanno raggi con cerchi in acciaio, e pneumatici 3.25×19 per l’anteriore per tutti i medelli, e posteriori 3.50×18 per il primo modello, 3.75×18 per i modelli successivi.

Per una buona manutenzione bisogna porre attenzione verso vari aspetti, come il normale assetto della catena Morse della primaria, e la regolazione delle valvole. Se vi trovate tra le mani questo modello è importante assicurarsi della pulizia perfetta, e della taratura dei quattro carburatori, che come capita spesso possono presentare ossidazioni interne evidenti, causati dal passare del tempo. Altro problema comune è relativo alle quattro marmitte a finto tromboncino con foratura che potrebbero presentare dei fenomeni di corrosione interna.

Per quanto riguarda gli pneumatici il consiglio è quello di utilizzare qualcosa di omologato, ma che riesca a rendere al meglio le caratteristiche d’epoca di questo particolare modello, rispettandone la leggerezza e la maneggevolezza.

Il primo modello consigliato è il Dunlop K82 (possiamo vedere i prezzi qui http://www.euroimportpneumatici.com/gomme-moto/dunlop/k-82.html), pneumatico dal peso leggero, fatto per essere l’ereda dell’ormai storico TT100, del quale conserva il battistrada che contribuisce ad una buona (anche se non eccellente) stabilità sul bagnato. È raffinato e permette anche un ottimo risparmio grazie alla mescola robusta che ne assicura una grande durata. Con i fianchi robusti, il Dunlop K82 è molto protetto da danni esterni.

Il secondo invece è della Bridgestone, più precisamente il modello BT45 R,(Qui i prezzi http://www.euroimportpneumatici.com/gomme-moto/bridgestone/bt45-r.html) un modello più sportivo del precedente e sicuramente più adatto a tutte le evenienze. Questo pneumatico è in mescola di silice per garantire un ottimo grip, ottima ammortizzazione e grande maneggevolezza, che dà stabilità al mezzo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009