Nuova Toyota Auris: una ibrida nel segmento C con grandi dotazioni

Di , scritto il 09 Settembre 2015

Toyota Auris HybridAnche la Toyota Auris Hybrid 2015 abbina un motore tradizionale con un’unità elettrica. Questa compatta del segmento C torna con due nuovi motori e importanti novità relative a sicurezza, tecnologia e stile. Cominciamo dall’estetica: i cambiamenti più rilevanti sono costituiti dall’allargamento della griglia inferiore sul frontale, i nuovi gruppi ottici anteriori, disponibili anche nella variante a LED, il nuovo paraurti più largo e i gruppi ottici posteriori con luci LED. Negli interni, oltre all’alta qualità dei nuovi materiali di rivestimento, segnaliamo il sistema multimediale Toyota Touch2 con schermo da 7,1 pollici e, al centro del quadro strumenti, lo schermo TFT a colori da 4,2″, che offre informazioni su consumi, autonomia, informazioni radio e navigazione, oltre a riproporre gli avvisi del pacchetto assistenza alla guida Toyota Safety Sense. Quest’ultimo è costituito da ben quattro tecnologie attive: il Sistema Pre-Collisione (PCS), l’Avviso Superamento Corsia (LDA), gli Abbaglianti Automatici (AHB) e il Riconoscimento Segnaletica Stradale (RSA).

A livello di motorizzazioni, con la nuova Toyota Auris Hybrid ha un motore 1.8 da 136 CV e consumi decisamente interessanti: può percorrere più di 25 km con un solo litro di benzina nel ciclo combinato, rilasciando emissioni di CO2 a partire da 89 g/km. Come tutte le ibride, dà il meglio a velocità non troppo elevate grazie all’ausilio della parte elettrica. Rimane poco adatta alle lunghe percorrenze a velocità sostenuta.

Questi i prezzi:
Auris Hybrid Cool – 23.900 euro
Auris Hybrid Active – 25.100 euro
Auris Hybrid Lounge – 27.300 euro


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009