Honda S2000, la spider adrenalinica

Di , scritto il 09 Novembre 2012

Chi ama le vetture supersportive, le spyder e le auto progettate per offrire prestazioni sopra le righe, difficilmente penserà a Honda. La casa automobilistica giapponese però ha offerto nel corso della sua storia anche vetture di un certo livello tra le spider. Oggi tra le vetture di seconda mano senza spendere cifre eccessive si può acquistare una Honda S2000 usata, uno tra i tanti possibili affari se si scandaglia per bene il marcato delle Honda usate. In ogni caso proprio la Honda S2000 gode di un apprezzamento del mercato che l’ha contraddistinta sin dal suo debutto, quando fu lanciata nel 1999 in occasione del cinquantesimo anniversario della casa giapponese. La vettura di Honda in primo piano pone l’esaltazione del piacere di guida legata a prestazioni di alto livello.

Nella Honda S2000 il costruttore nipponico ha fatto tesoro di molta esperienza acquisita nel mondo delle competizioni automobilistiche e in particolare alla McLaren-Honda di Formula 1 del 1991, guidata dall’indimenticato Ayrton Senna. Di quella vettura, la S2000 ha preso in prestito il famoso quadro strumenti digitale che ha reso la vettura degna dell’esperienza di un pilota di Formula 1. A spingere questa Honda c’è un motore 2.0 litri 16 V aspirato con 240 cavalli di potenza. Notevole anche la sua immagine stilistica, con un design altamente riconoscibile, tanto da valerle varie comparsate nei film Fast and Furious e in 2 Fast 2 Furious. La produzione della Honda S2000 è andata avanti per un decina d’anni, arrestandosi nel 2009. Ancora oggi però nel mercato dell’usato gode di tantissimo credo tra appassionati e automobilisti di tutto il mondo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009