Ferrari SF1000: la nuova monoposto che celebra i mille gran premi disputati

Di , scritto il 12 Febbraio 2020

Si chiama SF1000 ed è la nuova vettura monoposto della casa di Maranello per la stagione 2020 di Formula Uno. La nuova monoposto (la sessantaseiesima della storia), che sarà guidata dai piloti Sebastian Vettel e Charles Leclerc, è stata svelata ieri al Teatro Valli di Reggio Emilia. Il suo nome richiama lo storico traguardo dei 1000 Gran Premi disputati che la scuderia raggiungerà proprio nel corso di questa stagione.

Louis Carey Camilleri, amministratore delegato della Ferrari, ha parlato dell’affiatamento tra Vettel e a Leclerc e della dedizione dei 350 uomini e donne che lavorano instancabilmente nel reparto corse per creare una vettura che possa rispondere alle ambizioni della casa (40 di loro lavorano fedelmente da più di 35 anni). Mattia Binotto (team principal di Ferrari) e ha aggiunto qualcosa sul futuro: “Questo è un anno davvero particolare: affronteremo le sfide del 2020 e, in parallelo, svilupperemo la vettura per l’anno venturo. Il nostro gruppo deve crescere imparerà dagli errori fatti, dobbiamo concentrarci sull’affidabilità. La sfida che ci attende nel 2021 è una sfida epocale, uno dei cambi più grossi dall’inizio della Formula uno“. “Come Ferrari siamo orgogliosi dell’Italia e di rappresentarla nel mondo”, ha invece rivendicato il presidente John Elkann nel suo discorso.

Le due principali novità estetiche della nuova SF1000 sono il Tricolore sul musetto insieme al logo del Cavallino Rampante e i numeri dei piloti in stile Anni 70.


1 commento su “Ferrari SF1000: la nuova monoposto che celebra i mille gran premi disputati”
  1. Franco ha detto:

    A me piace tantissimo! Viva la Rossa!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009