Peugeot 508 RXH: design da crossover e alimentazione ibrida

Di , scritto il 12 Luglio 2011

Svolta ibrida per la nuova Peugeot 508 modello RXH, le cui caratteristiche principali sono state anticipate dalla casa automobilistica francese. Si tratta di una vettura che si rinnova non solo nella propulsione, ma anche in un’estetica sempre più vicina al crossover.

Infatti, il telaio rinforzato, il particolare assetto rialzato, e la presenza ricorrente di paraurti e paracolpi, la collocano sempre più vicino al mondo dei SUV cittadini compatti. Arricchite anche le dotazioni: cerchi in lega da 18 pollici, vetri oscurati, tettuccio panoramico, regolazione elettrica dei sedili, sistema Open&Go. Ma la novità sta proprio nella motorizzazione: per la prima volta su questo modello un motore ibrido diesel/elettrico, in gradi di erogare una potenza complessiva di 200 CV, di cui 163 dal diesel (un 2.0 HDi) e 37 dall’elettrico, e una coppia totale di 450 Nm. L’alimentazione combinata comporta diversi vantaggi. Innanzitutto, la possibilità di viaggare anche con il solo modulo elettrico, per brevi tratti di percorrenza e con prestazioni limitate, a un livello di emissioni ovviamente nullo. Ma la sostenibilità ambientale è salvaguardata anche sul ciclo combinato, come dimostrano i 109 g/km di emissioni di anidride carbonica e il consumo di 4,2 l/100 km.

La presentazione ufficiale è attesa al Salone di Francoforte di settembre, preludio alla commercializzazione dei primi mesi del 2012. Considerando che in questo modello sembrano confluire due delle questioni al momento più care agli appassionati delle quattro ruote, e cioè l’alimentazione ibrida e l’estetica del crossover, è facile aspettarsi un buon successo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009