Honda Civic Tourer: station wagon dal look sportivo

Di , scritto il 12 Settembre 2013

CivicTourerHonda presenta in questi giorni al Salone di Francoforte la nuova Civic Tourer, modello familiare che riesce però a preservare un design sportivo.

La vera novità di questo allestimento sta nella parte posteriore, che riesce a offrire un bagagliaio dalla capienza minima di ben 624 litri, ma che può arrivare anche a 1668 litri rimuovendo la copertura bagagli o utilizzando il sistema Magic Seat per il ribaltamento dei sedili posteriori. La lunghezza di 4.52 metri e le soluzioni stilistiche adottate hanno permesso di coniugare le esigenze di spaziosità interna con uno stile moderno e “sportiveggiante”. Infatti, le forme della Civic Tourer sono molto affusolate, grazie anche alla sagoma del tetto che si allunga fino al portellone posteriore: si tratta di una station wagon, ma la ricercatezza delle finiture e dei dettagli le conferiscono un look da sportiva. Sul fronte motoristico è da segnalare l’introduzione del motore 1.6 i-DTEC diesel da 120 CV di potenza e 300 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a 6 marce, con consumi di carburante di 3.8 l/100 km ed emissioni di anidride carbonica di 99 g/km. Oltre al diesel è disponibile anche il 1.8 i-VTEC a benzina da 142 CV e con consumi pari a 6.4 l/100 km.

Per il momento la nuova Honda Civic Tourer è stata soltanto presentata al pubblico: per il listino prezzi dovremo attendere ancora qualche settimana.


1 commento su “Honda Civic Tourer: station wagon dal look sportivo”
  1. […] la sua naturale predisposizione a un utilizzo familiare, e di questo avevamo parlato con un articolo in occasione della sua presentazione allo scorso Salone di Francoforte. Ora arrivano le […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009