C’era una volta il noleggio furgoni tradizionale. Poi è arrivata la tecnologia

Di , scritto il 13 Maggio 2016

noleggioCome cambia l’autonoleggio grazie a siti e app per noleggiare da smartphone. Le ultime novità in fatto di motori si provano prendendole in affitto e il futuro è già su strada.

Nell’era della connessione e dell’Internet delle Cose, un settore dinamico come quello dei motori non può restare fermo. Oggi il mercato del noleggio si evolve e dota i mezzi in affitto di tecnologie e servizi sempre più moderni. E i veicoli diventano i dispositivi mobili per eccellenza.

Connettività

Le ultime novità riguardano il wi-fi in vettura, kit vivavoce Bluetooth, navigatore GPS integrato. Innovative, poi, sono tutte le dotazioni previste per i veicoli presi a noleggio: oltre a sistemi di intrattenimento collegati allo smartphone come MirrorLink o l’integrazione completa tra device e social network come Vehicular Social Media System di General Motors, ideato per postare foto e video sui social in maniera sicura, garantendo l’assenza di distrazioni da parte del guidatore.

Novità a noleggio

Le aziende di autonoleggio e i maggiori siti di noleggio furgoni, veicoli da lavoro per il trasporto merci, furgoni frigo, camioncini per l’edilizia, pulmini e van, offrono servizi e app per noleggiare in un click.

Si evolve anche la dotazione tecnologica. Presso alcuni autonoleggi sono a disposizione tablet per agevolare le operazioni di check in/check out dei mezzi presi a noleggio, soprattutto se auto, moto o furgoni vengono ritirati e consegnati in città differenti.

Inoltre, alcuni operatori, prevedono per i clienti del segmento corporate una fast track, con accesso diretto al parcheggio senza passare dal bancone, consentendo un notevole risparmio di tempo.

Vetture ibride

Il trend ecologico è sempre più popolare. Un po’ per moda un po’ per reale spirito ambientalista, si punta su prodotti e servizi green, dai consumi ridotti e l’impatto ambientale ridotto al minimo. Per questo motivo, nel settore motori, spopolano gli ecoincentivi per la diffusione di veicoli elettrici o ibridi.

Per chi è abituato ai classici motori diesel o benzina è un grande salto nel buio…Ecco quindi che noleggiare un’auto ibrida può servire da utile test per valutare prestazioni e stile di guida. Un banco di prova prima dell’acquisto vero e proprio.

Ridotti i consumi ma non la potenza: si pensi che l’auto completamente elettrica può passare da 0 a 96 km/h in meno di 3 secondi e raggiungere una velocità di oltre 320 km/h. Neanche lo stile delude, per il suo design è stata paragonata alla Batmobile!

Non solo auto, i nuovi veicoli elettrici accolgono anche fino a 6 passeggeri: come Budd-e di Volkswagen, microbus a batteria, che raccoglie eredità e carisma del mitico pulmino, emblema dei viaggi on the road.

Senza mani

La sicurezza alla guida è un tema fondamentale. Quando poi sicurezza e tecnologia vanno a braccetto si generano novità sorprendenti.

Celebre è, ad esempio, lo spot di un’auto dotata di sintetizzatore vocale che legge i messaggi e notifiche Whatsapp al posto tuo, per evitare distrazioni.

Automobili automatizzate e in grado di parlare, controllate da un’intelligenza artificiale. Non vi ricordano un po’ SuperCar?

Volkswagen propone qualcosa di simile per la sua e-Golf Touch, dotandola di controllo gestuale e riconoscimento vocale “Keyword Activation” che permette al guidatore di controllare il sistema senza necessità di premere alcun pulsante.

Più tecnologia=più sicurezza

L’innovazione aiuta a proteggere il veicolo in maniera intelligente, smart e invisibile in una sola parola: telediagnosi.

A monitorare la salute dell’automobile e dei passeggeri, garantendo così alti standard di sicurezza, ci pensano sensori rilevatori di temperatura, umidità, livello di monossido di carbonio. In più, le auto intelligenti, reagiscono in caso di emergenze.

Noleggio al futuro

All’ultima edizione del Salone dell’innovazione elettronica il settore automotive ha dominato la scena con modelli e accessori che sembrano arrivare direttamente dai film.

Per il momento è un prototipo ma non manca molto alla diffusione dell’auto dotata di cruscotto che si comanda con lo sguardo, in modo da non staccare mai le mani dal volante durante la guida.

Un gioiello di tecnologia ma dal costo proibitivo. Perché allora non testarlo prima, magari prendendo a noleggio una macchina dotata di questo sistema?

Non solo Google Car

Dal futuro giungono mezzi più sicuri, più comodi e più performanti.

E’ noto che già da alcuni anni Google sta mettendo a punto un veicolo in grado di muoversi autonomamente, la Google Car.

Al Salone CES di Las Vegas sono state presentate altre tecnologie per la guida autonoma, dotate di radar e sensori video per “vedere” al posto nostro.

Attraverso le informazioni fornite da telecamere e sensori laser LIDAR (Light Detection and Ranging), così piccoli da poter essere integrati nello specchietto retrovisore, un software rielabora i dati in tempo reale per la guida autonoma. La tecnologia, brevettata da Nvidia col nome di Drive PX2, sarà usata da Volvo.

Audi, invece, propone l’auto che può imparare a guidare acquisendo i modelli di guida del suo proprietario.

E chissà se un giorno, entrando in un autonoleggio, non riusciremo a testare anche l’auto che si guida da sola.

1 commento su “C’era una volta il noleggio furgoni tradizionale. Poi è arrivata la tecnologia”
  1. E’ il mondo che cambia, il comparto autonoleggio deve distinguersi per per innovazione cambiamento e prodotti. Questo è valido sia che sia un noleggio di furgoni o qualsivoglia automobile.

    Come dire il futuro del noleggio auto è già qui.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009