Da spettatore a protagonista tra le curve di Vallelunga

Di , scritto il 16 Maggio 2016

vallelunga autodromoL’ultima iniziativa, in rigoroso ordine cronologico presso l’autodromo di Vallelunga, è stata la ormai tradizionale due giorni dedicata al Roma Motor Show, che anche per la sua sessantunesima edizione ha avuto come cornice l’autodromo a 30 chilometri dalla capitale (anche se, in origine, la prima edizione del 1947 si svolse sulla collina del Pincio). Per l’occasione, è stato confermato il successo degli scorsi anni, con circa 150 mila spettatori e appassionati di motori che hanno visitato vedono i 1500 metri quadrati del Centro Congressi dell’Autodromo, attrezzati per accogliere non solo i curiosi, ma anche gli spazi destinati ai principali brand del settore dei motori, da Fiat e Alfa Romeo a Ford, Honda, Jaguar, Peugeot e Mercedes, che ha presentato le proposte del suo progetto per l’usato “First Hand” e modelli smart con versioni elettriche realizzate per l’Aci.

Diversificare l’offerta. Gli appassionati di quattro ruote, poi, hanno girato anche lungo i 7 mila metri quadrati destinati alle aree test allestite, nell’area denominata Vallelunga Off-Road, dove hanno potuto toccare con mano i modelli 4×4 di Jeep in speciali tracciati pensati per aumentare il brivido dell’avventura, e nel cosiddetto parco archeologico, oltre che mettersi alla prova nei giochi di team building o negli esercizi di guida sicura sponsorizzati dalla Honda.

Il brivido della velocità
A rendere ancor più spettacolare questa kermesse è la sede scelta per ospitare gli eventi, ovvero lo storico tracciato Piero Taruffi che sorge nel Comune di Campagnaro di Roma, uno dei circuiti più affascinanti del nostro Paese, oltre che più versatili. Proprio negli stessi giorni del Roma Motor Show, infatti, l’asfalto della pista è stato anche graffiato dalle gomme delle moto dei partecipanti alla nuova edizione del Campionato Italiano Velocità, che quest’anno coinvolge ben 5 categorie (Superbike, Supersport, Moto3, Sport 4T, PreMoto3) e che ha preso il via nella nuova formula con due partenze a weekend proprio dalla Capitale d’Italia.

Correre in moto
D’altra parte, il circuito dedicato alla memoria dello “zorro plateado” è considerato uno dei più tecnici, nonché più amati da piloti e fan, e nelle stagioni 2007 e 2008 ha ospitato una tappa del Mondiale Superbike, mentre nel biennio in corso, 2015-2016, è inserito nella lista ufficiale di quelli utilizzabili come “sostituti” in caso di problemi di organizzazione altrove. Raddoppiando le ruote non cambia il discorso, perché come noto anche le auto sfruttano la velocità del percorso per i test drive in diverse categorie, dal Gran Turismo alla Formula 1, così come testimoniato dall’omologazione FIA per le prove di F1 ottenuta nel 2004, dopo i lavori di ristrutturazione che hanno reso più moderno ed efficiente l’impianto.

autodromo vallelunga campionato italianoIn prima persona. C’è una notizia che però può rivelarsi ancora più interessante per gli appassionati di velocità, che possono trasformarsi da spettatori a protagonisti diretti grazie alla possibilità offerta da una società come Rse Italia, che organizza giornate di guida in pista su auto da sogno come Ferrari o Lamborghini su diversi tracciati del nostro Paese, tra cui spicca appunto l’autodromo di Vallelunga con i suoi 4 chilometri circa di curve e rettilinei, che rappresentano il compromesso ideale per mettere alla prova le proprie abilità al volante tra agilità e velocità.

Tester famosi
L’autodromo di Vallelunga è stato scelto anche come punto di riferimento di Jimmy and Cars, una nuova trasmissione dedicata alla velocità da parte del gruppo Sportnetwork (che racchiude quotidiani sportivi come Corriere dello Sport e Tuttosport e riviste del settore come Auto e Autosprint), condotto da un pilota d’eccezione, lo storico inviato di “Striscia la Notizia” Jimmy Ghione. Nella prima puntata, il noto personaggio televisivo (che vanta una buona esperienza alla guida di auto e, in particolare, due vittorie alla 24 Ore di Adria) ha testato sul circuito romano la nuova BMW 330e, versione ibrida plug-in della berlina prodotta in Baviera.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009