Aprilia SR GT: uno scooter “urban adventure”

Di , scritto il 18 Febbraio 2022

Con il nuovo modello SR GT di Aprilia ci troviamo davanti a una via di mezzo tra uno scooter da città e una moto da enduro. Sarà disponibile in due motorizzazioni: i-get 125 e 200 cc, con cambio a variazione continua CVT e Start & Stop di serie.

La nuova dueruote piacerà dunque a chi vuole divertirsi anche sulle strade extraurbane e su manti stradali un po’ più sconnessi del dovuto e sulle strade bianche. Tutto questo grazie alla posizione di guida attiva e all’ampio manubrio naked, alle sospensioni Showa a corsa lunga e molto elevate da terra (175 mm), con cui non è difficile superare gli ostacoli. Fanno la loro parte anche la doppia carenatura e il parabrezza sospeso, così come le gomme con battistrada “all terrain”.

Interessante l’estetica, con tre fanali anteriori full LED, la targa posta sulla ruota posteriore, gruppo ottico posteriore (anch’esso full LED) che comprende anche le frecce. Ben studiata la pedana ergonomica che consente di assumere due diverse posizioni in sella. Dal punto di vista del carburante, con un pieno (9 litri) l?autonomia di marcia sfiora i 350 chilometri. Il vano sottosella è già di per sé stesso capiente (25 litri) e può alloggiare anche un casco integrale, ma l’ampio bauletto in alluminio da 33 litri fornisce ulteriore spazio utile. Sul cruscotto troviamo un display LCD di serie, mentre è opzionale il sistema di connettività Aprilia Mia.

Come dicevamo, il nuovo scooter sarà disponibile in due versioni: un motore monocilindrico i-get da 125 cc e 11 kW di potenza oppure un monocilindrico da 200 cc e 13 kW di potenza.

Per il momento Aprilia non ha ancora comunicato la data di arrivo nelle concessionarie.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009