Mercedes EQS: una berlina di lusso 100% elettrica

Di , scritto il 18 Maggio 2021
Mercedes EQS

Mercedes presenta la sua nuova tre-volumi di lusso totalmente elettrica: si chiama EQS. Dal punto di vista estetico l’auto non perderà l’eleganza che la caratterizza da sempre, ma sarà rinnovata. L’architettura dei powertrain elettrici permette di modificare le auto fornendo loro un’immagine fresca e giovane. A conferma di questo, il CX aerodinamico di Mercedes EQS è il più basso mai raggiunto, pari a 0.20.

Qui sotto qualche dato tratto dalla scheda tecnica della top di gamma EQ della casa tedesca:

  • Drive Pilot che permette di guidare in autonomia fino alla velocità di 60 km/h.
  • Hyperscreen interno che unisce tre schermi e copre interamente la superficie tra i due montanti anteriori.
  • Filtro HEPA che elimina gli odori e polveri sottili.
  • Due motorizzazioni: da 245 e 385 kW (quest’ultima con un’autonomia di marcia fino a 770 km).
  • Catena cinematica elettrica sull’asse posteriore.
  • Ruote posteriori controsterzanti.
  • Velocità massima di 210 km/h. L’accelerazione da 0 a 100 avviene in 6,2 secondi sulla motorizzazione da 245 kW e in 4,3 secondi sulla più potente da 385 kW.
  • Potenza di carica massima pari a 200 kW e tempo di ricarica pari a 15 minuti (garantisce 300 km di autonomia nel ciclo WLTP).
  • Impostazione di tre livelli di recupero dell’energia in frenata e funzione Sailing (“inerzia”) tramite le levette sul volante.
  • Parcheggio automatico omologabile al livello SAE 4: l’auto può uscire da sola dal garage!  

1 commento su “Mercedes EQS: una berlina di lusso 100% elettrica”
  1. Luis ha detto:

    Mi chiedo come si possano avere ampi scetticismi sull’elettrica…ma ognuno nella libertà…io ci sto!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009