Prestiti personali finalizzati all’acquisto di veicoli: l’andamento negli ultimi 3 anni

Di , scritto il 18 Ottobre 2021

Abbiamo studiato la base dati dell’Osservatorio finanziamenti elaborata da PrestitiOnline.it, società di primaria importanza nel nostro Paese per l’erogazione di prestiti personali e cessioni del quinto. Il documento, oltre a fornire dati generici sull’evoluzione delle offerte e ad analizzare le due sopracitate tipologie di prestiti in base a finalità, importi medi, durata, area geografica, età e occupazione, offre interessanti dati sull’andamento dei finanziamenti auto in Italia nel periodo gennaio 2019-settembre 2021.

Andamento dei finanziamenti per veicoli dal gennaio 2019 al settembre 2021

Un primo pannello suddivide le richieste di prestiti per finalità. Dall’osservazione si evince che nel 2019 quasi un quinto delle richieste (per la precisione il 19,5%) è costituita dalle richieste di “Auto usata” (praticamente a pari merito con la voce “Ristrutturazione casa”. Se si aggiungono altre voci relative al comparto automotive, come “Auto nuova o a km 0”, pari al 6,4% e motoveicolo (2,3%) si vede che i finanziamenti per l’acquisto di “motori” durante quell’anno hanno fatto la parte del leone nella distribuzione totale. Nel 2020 e nei primi 3 trimestri del 2021 il trend si è tenuto costante, nonostante la contrazione dei consumi causata dalla pandemia di Covid 19. Un altro pannello fa da contraltare al primo evidenziando le percentuali dei prestiti di fatto erogati – mettendo in evidenza uno scarto minimo rispetto alle richieste.

In un grafico che evidenzia con una linea spezzata l’andamento delle richieste prestiti in base alle finalità salta all’occhio un trend in discesa (anche se non continua, ma con qualche leggera risalita periodica) tanto delle auto nuove (dall’8,3% del primo trimestre 2019 al 4,1% del settembre di quest’anno). Sorprendente invece la sostanziale tenuta dei prestiti per auto usate durante tutto il periodo (dal 21,1% al 18,5% di un mese fa). Non è un caso che i modelli usati disponibili per l’acquisto al momento scarseggino in tutta Italia. Sostanzialmente stabile invece l’andamento della curva sul pannello corrispondente dei prestiti erogati (ad esempio, da 16% a 15,1% per le auto nuove), a dimostrazione del fatto che la crisi non ha messo le pastoie agli istituti di credito.

Requisiti per la richiesta di prestito auto

Ricordiamo che i prestiti per l’acquisto di veicoli possono essere stipulati presso un concessionario o presso la società erogatrice di credito. L’erogazione della somma è vincolata a una serie di valutazioni volte a verificare l’affidabilità creditizia del richiedente (oltre a requisiti come maggiore età, cittadinanza italiana, possesso di conto corrente intestato al medesimo e fonte di reddito dimostrabile). In buona sostanza il richiedente deve dimostrare di riuscire essere in grado di affrontare il pagamento delle rate mensili e di non essere stato segnalato in precedenza come cattivo pagatore. In questi casi però la concessione del prestito non è del tutto esclusa: l’istituto di credito ha la facoltà di richiedere delle garanzie alternative. Nel caso dei prestiti per l’acquisto di un’auto usata, l’importo sarà riferito a quanto indicato di listini Eurotax sul valore commerciale dei veicoli.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009