A1 Sportback, è lei il nuovo gioiellino di casa Audi

Di , scritto il 18 Novembre 2011

Signori, l’attesa è finita! Audi ha finalmente svelato la novità del segmento premium di cui vi parlavamo qualche giorno fa: si tratta della nuova Audi A1 Sportback, ossia la versione cinque porte della compatta della Casa degli anelli. Mira ad un target giovane, esattamente come la sorella a tre porte, e il design resta ovviamente ispirato a quello della A1. Sarà disponibile da gennaio 2012 ad un prezzo base di 17.9830 euro.

Guardandola con attenzione, notiamo come il cofano motore e il cofano bagagliaio arrivino quasi ad includere il resto della carrozzeria in una sorta di abbraccio ideale. Le linee perfette corrono intorno alla strutture del tetto, conferendo uno stile elegante e fluido. La struttura del tetto, poi, può essere richiesta in uno dei tre colori in contrasto che esaltano ancor di più le sue forme. La A1 Sportback è disponibile in ben dodici colorazioni, oltre alle numerose personalizzazioni degli interni come il pacchetto S line exterior, che aggiunge dettagli sportivi ed eleganti alla compatta di Ingolstad.

La carrozzeria della A1 Sportback è composta per circa due terzi da acciai ad alta e altissima resistenza, formati a caldo e usati soprattutto per la cellula abitacolo. Questo ha permesso di ridurre il peso e mantenere alti gli standard di sicurezza. Grazie poi ad alcune modifiche di carattere aerodinamico, il coefficiente di resistenza della versione base è di soli 0,32 cx.

Aprendo uno degli sportelli della Audi A1 Sportback si viene attirati subito dentro dallo spazioso, arioso e luminoso abitacolo. La plancia salta subito all’occhio: basta seguirla con lo sguardo per accorgersi che sono ispirate alle ali di un aereo. La consolle centrale è molto comoda, leggermente orientata verso il guidatore, con le bocchette d’aerazione che quasi ricordano le turbine di un jet. Così come la consolle, sul tunnel centrale, che riprende le forme della poppa di uno yacht. Tutto molto chic, ottima per automobilisti esigenti.

Anche la gamma di sistemi di infotainment della A1 sportback è stata concepita in modo modulare, derivanti dalla classe superiore. Interessante la radio “Concert”, disponibile come optional, che può contare su un lettore di schede SD, la predisposizione per un telefono Bluetooth e il sistema di navigazione. La punta di diamante è rappresentata proprio dal sistema di navigazione MMI plus, che definisce nuovi parametri di riferimento nel segmento delle piccole compatte: comprende un hard disk di grandi dimensioni, lettore DVD, monitor da 6.5 pollici che si apre sulla plancia e una grafica 3D ad alta risoluzione.

L’Audi A1 Sportback non è solo bella, aspetta di farsi guidare. Dentro al cofano motore c’è un cuore pulsante, pronto a mettersi in moto e permettervi di disegnare quelle traiettorie perfette, esattamente le stesse che state facendo ora con la mente. Stiamo parlando delle sette motorizzazioni a quattro cilindri: quattro TFSI e tre TDI. Tutti i motori seguono il principio del downsizing, sfruttando la sovralimentazione che si sostituisce all’aumento della cilindrata.

Ampia scelta, dunque, per quanto riguarda i motori: il 1.2 TFSI eroga una potenza di 86 cavalli, capace di contenere i consumi a 5,1 litri per 100 Km. Ci sono poi i tre TFSI da 1.4 litri che erogano una potenza di 122, 140 e 185 cavalli. Il motore di punta a benzina viene sovralimentato contemporaneamente da un compresso e da un turbocompressore, regalando una coppia di 250Nm, uno scatto da 0 a 100 Km/h in 7 secondi ed una velocità massima di 227 Km/h. Solo in un secondo momento arriverà anche un motore 1.4 TFSI da 140 cavalli.

Ma la vera chicca è l’utilizzo della tecnologia “cylinder on demand”. In parole povere, nelle condizioni di guida in cui si hanno carichi bassi e regimi del motore mediobassi, un sistema di attuatori basato sull’Audi valvelift system, disattiva temporaneamente due cilindri, chiudendone le valvole. Anche in queste condizioni, il motore risulta anche silenzioso e regolare, ma abbassando notevolmente i consumi. Se il guidatore accelera con decisione, il 1.4 TFSI torna immediatamente nella modalità quattro cilindri.

Infine, a completare la gamma di motori, ci pensano i tre TDI: un 1.6 disponibile in due versioni; una da 90 cv, una da 105. In entrambe le versioni, abbinate ad un cambio manuale, la A1 Sportback consuma in media solo 3,8 litri di carburante per 100 Km. L’altro diesel è il 2.0 TDI da 140 cavalli che arriverà in un secondo momento rispetto al lancio.


1 commento su “A1 Sportback, è lei il nuovo gioiellino di casa Audi”
  1. ricardo ha detto:

    sembra molto interessante questa nuova A1, non vedo l’ora di provarla: avere un’Audi sotto le mani è sempre un bello spettacolo!!!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009