Nuova Mazda6: i primi dettagli estetici

Di , scritto il 19 Luglio 2012

La presentazione è prevista al prossimo Salone di Parigi, ma siamo già in grado di darvi qualche anticipazione sulla nuova Mazda6, prossima generazione della berlina giapponese.

La Mazda ha sapientemente diffuso tre video teaser, dai quali non si ricavano un gran numero di dettagli, ma con il preciso scopo di accrescere l’attesa e la curiosità: una consolidata strategia di marketing dunque, per aumentare le chances di successo in un settore molto competitivo, quello delle vetture di segmento D. Dal punto di vista estetico la nuova Mazda6 seguirà il prototipo Takeri, ma soprattutto resterà fedele al linguaggio stilistico Kodo, che è ormai diventato un marchio di fabbrica dell’azienda: un’idea di design che esprime armonia, bellezza in movimento, coesistenza tra stabilità e agilità. Troviamo una parte frontale caratterizzata da gruppi ottici più snelli e allungati, una griglia con logo aziendale al centro, fiancate ben definite da linee aerodinamiche che tracciano il profilo, e una parte posteriore dalle forme dolci e sinuose, con una finitura cromata continua sopra i gruppi ottici. Novità previste anche dal punto di vista meccanico: l’evoluzione tecnologica interesserà componenti, telaio, e trasmissione abbinati ai propulsori, che saranno quelli a benzina Skyactiv-G e quelli diesel Skyactiv-D.

Per il momento non possiamo aggiungere altro, ma in occasione del Salone di Parigi,  in programma dal 27 settembre al 14 ottobre, scopriremo tutti i dettagli, inclusi quelli relativi all’abitacolo che ora è del tutto ignoto. La commercializzazione sarà avviata entro l’inizio del 2013. Intanto, vi proponiamo i video teaser diffusi sul web da Mazda.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009