Nuova Seat Alhambra: comodità a basso prezzo

Di , scritto il 20 Settembre 2010

La scelta della foto non è certo casuale: la tranquilla famigliola che carica l’impossibile in macchina, per la precisione nella nuova Seat Alhambra, il monovolume della Casa spagnola (capace anche di macchine più pepate…), che fa parte del colosso tedesco Volkswagen.

E a nostro giudizio, proprio lo spazio è il punto di forza della Alhambra. Che può comodamente ospitare molti passeggeri e bagagli ingombranti; la disposizione dei sedili è stata progettata in modo del tutto innovativo. Puoi scegliere tra una versione a cinque e una a sette posti. Senza utilizzare i sedili della seconda e terza fila, li fai “scomparire” nel pianale della vettura tramite un semplice meccanismo di abbattimento.

I sedili della seconda fila possono essere spostati longitudinalmente di 160 millimetri, mentre l’inclinazione dello schienale viene regolata a piccoli scatti.

La Alhambra a sette posti dispone di una terza fila di sedili (2 + 3 + 2), posizionata leggermente più in alto rispetto alla seconda. Grazie all’ampia apertura delle porte scorrevoli, l’accesso agli ultimi due posti risulta ora notevolmente facilitato. Il bello delle sliding doors.

Attenzione, si arriva a una capacità di 2.430 litri nella versione a 5 posti e di 2.297 litri in quella a 7 posti.

Il tutto per un prezzo base da 28.500 euro per il motore 1.4 TSI nell’allestimento Reference, che salgono a 31.000 euro nell’allestimento Style. La versione 2.0 TDI CR da 140 CV costa 30.500 euro e quella da 170 CV 34.900. Un rapporto qualità/costo eccellente.


1 commento su “Nuova Seat Alhambra: comodità a basso prezzo”
  1. Adv ha detto:

    Guardate questo video, veramente bella, poi di questo colore!!!
    http://www.youtube.com/watch?v=OYPgJT9Dm-Q


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009