Genty Automobile Akylone: prototipo sportivo di inaudita potenza

Di , scritto il 20 Ottobre 2011

Oggi parliamo di una vera e propria supercar, una di quelle non accessibili a tutti, ma che fanno sognare tutti i veri appassionati di motori: si tratta della Genty Automobile Akylone, e vanta delle specifiche a dir poco strabilianti.

Genty Automobile è un’azienda automobilistica francesce, e ha appena presentato questo nuovo prototipo, il cui debutto ufficiale è atteso per il prossimo Salone di Parigi nel 2012. Partiamo subito dal motore: un V8 twin turbo da 4.8 litri, in grado di superare i 1000 CV di potenza e di toccare i 1270 Nm di coppia. Le prestazioni attese da questo propulsore sono sbalorditive: un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 2.7 secondi, con una velocità di picco di 354 km/h. A un motore così potente sono associati il cambio sequenziale XTrac a 7 rapporti, un avveniristico sistema frenante carboceramico, e l’utilizzo di materiali di ultima generazione per il telaio, in particolare la fibra di carbonio e l’alluminio. Nelle sue prime immagini Akylone si mostra nel tipico design da supercar: assetto fortemente ribassato, linee spigolose, carrozzeria nera, luci a LED, e, grazie appunto ad una oculata scelta dei materiali, il tutto è realizzato in soli 1100 kg di peso, il che contribuisce fortemente a far impennare le prestazioni della vettura.

E’ ancora prematuro per parlare di una possibile data di commercializzazione o di un prezzo. Anzi, considerata la portata dell’annuncio, sarebbe opportuno aspettare di vedere Akylone dal vivo tra qualche mese, e testare così l’effetiva veridicità della notizia. Per ora gli appassionati possono solo continuare a sognare.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009