Home » Mercedes Classe A: la mutaforma per eccellenza, quale sarà la prossima evoluzione?

Mercedes Classe A: la mutaforma per eccellenza, quale sarà la prossima evoluzione?

Mercedes Classe A è una di quelle vetture che mantiene il nome ma cambia sempre forma. Dalla sua introduzione nel 1997 è cambiata un sacco. Come sarà la prossima generazione?

Nel 1997 Mercedes ha pensato che non aveva una vettura piccola che andasse bene per la città e piacesse al pubblico femminile esigente e attento allo stile. Così realizzò Mercedes Classe A, una vettura piccola ma di qualità che ottenne immediatamente un grande successo. Se il primo restyling è arrivato in base ad esigenze di mercato ma ha mantenuto praticamente il target, la terza generazione ha cambiato totalmente le carte in tavola, dedicandosi a un pubblico totalmente diverso.

 

Mercedes Classe A si appresta a compiere 25 anni. Quando vedremo la quinta generazione?
Mercedes Classe A si appresta a compiere 25 anni. Quando vedremo la quinta generazione? Ph@Mercedes

Mercedes Classe A: un po’ di storia

Mercedes voleva ampliare il suo pubblico, fino ad allora corrispondente a businessman che amavano grandi berline eleganti. Un primo passo in tal senso, ovvero verso il basso, lo ha fatto con la 190, berlina tre volumi più compatta e meno costosa che dimostrò subito d’incontrare il favore del pubblico, anche quello femminile.

Ma era solo il primo passo di questo processo: L’allora gruppo Damler-Benz voleva anche un’auto piccola e adatta alla città, che aiutasse a trovare facilmente parcheggio e fosse meno costosa da comprare. Senza però rinunciare alla qualità che da sempre corrisponde la casa della stella a tre punte.

La svolta vera e propria però arriva negli anni ’90 con la prima monovolume di Mercedes-Benz. La Classe A W168 è stata prodotta a partire dal 1997 e oltre a essere la prima monovolume, è stata anche la prima vettura della casa a trazione interiore. Oltre allo stile e alle forme sfiziose, uno dei punti chiave della vettura, almeno secondo la casa, era la sicurezza.

Un sistema di assorbimento degli urti frontali chiamato “a sandwich” brevettato, prevedeva che nel caso di un violento impatto frontale, il motore e la trasmissione si sganciano e scivolano sotto il pavimento della vettura salvaguardando l’ambiente dei passeggeri.

Tuttavia, test indipendenti svolti dal giornale svedese Teknikens Varld, evidenziarono un clamoroso fallimento nel noto “test dell’alce”, e Mercedes fu costretta a richiamare in fretta e furia tutti gli esemplari consegnati fino ad allora, aggiungendo un ESP per migliorare la situazione in caso di sbandata.

Classe A Mercedes Prima serie.
Classe A Mercedes Prima serie. Ph@mercedes

Seconda serie

La seconda generazione di Classe A, la W169, è arrivata nel 2004 ed era disponibile a 3 e 5 porte. Guadagnava in dimensioni e capienza interna, risultando più ad adatta all’utilizzo familiare piuttosto che a donne single e giovani adolescenti benestanti. Al contempo ha migliorato anche la sicurezza con freni a disco su tutte le ruote e passando a pieni voti i più rigidi crash test.

Il restyling del 2008 ha coinvolto forme e aspetto di anteriore e posteriore per adattarsi alle nuove arrivate della famiglia, come la Casse B e la Classe M.

Classe A seconda serie. Ph@Mercedes

Terza e Quarta Serie

In vendita dal 2012, con la Terza Serie della Classe A Mercedes cambia tutto, sia per quanto riguarda design, che per quanto riguarda target, e anche per la meccanica. Si va a posizionare nel segmento C premium, ovvero quello delle varie, andando a competere direttamente con BMW Serie 1, WW Golf, Audi A3 e Pegeout 308. Da familiare che strizza l’occhio a mamme e donne single, la nuova Classe A ora è indirizzata ai giovani maschi che amano prestazioni eccellenti e design aggressivo.

Le motorizzazioni salivano di livello, con la A 180 che montava un 1.6 da 122 CV, e la A 200 che potenziava lo stesso motore a 156 CV. Molto apprezzata anche la 220 CDI, che abbinava i consumi più parchi del diesel a ben 170 CV di potenza. E poi c’era la potente A 45 AMG, che riempiva tutto il vano motore con un potente 4,5 litri da 360 CV in grado di far accelerare la piccola di casa Mercedes da 0-100 KM/h in 4,6 s e di toccare una velocità massima di 270 KM/h.

Classe A Mercedes Terza serie.
Classe A Mercedes Terza serie. Ph@Paultan

Nel 2018 arriva la quarta generazione, denominata W177. Guadagna molto in grandezza (11 cm più lunga della precedente) allargando anche le forme, con un frontale più generoso e schiacciato e un look che tendeva a uniformarsi con la CLS. Tuttavia, di Mercedes ha ben poco sotto il cofano, visto che al lancio montava propulsori provenienti dal gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi, in seguito all’accordo commerciale con Mercedes. La quarta generazione ha introdotto il primo sistema autonomo per la serie, importato direttamente dalla Classe S, e di conseguenza sono cresciuti anche i prezzi.

Classe A di Quinta generazione: come sarà?

La domanda è piuttosto “se ci sarà”….visto che alla luce del cambio di strategia della casa, ci sarebbe l’intenzione di tornare agli antichi fasti, orientandosi quindi più al mercato premium e abbandonando sempre più la fascia più economica del mercato. Oppure la nuova Classe A potrebbe diventare un’auto totalmente elettrica? Se fosse così, però, il peso dell’attuale generazione non sarebbe molto favorevole, e quindi potremmo assistere a una nuova mutazione per il modello che ha cambiato più volte identità della storia di Mercedes-Benz.