Home » Frizione bruciata: tutto quello che bisogna sapere per evitare questo spiacevole inconveniente

Frizione bruciata: tutto quello che bisogna sapere per evitare questo spiacevole inconveniente

La frizione è una delle componenti principali dei veicoli. Si tratta del dispositivo che separare il motore dell’auto dalla trasmissione, e in questo modo permette l’innesto in maniera graduale, tramite il cambio delle marce.

È quindi fondamentale che la frizione sia in buona salute, affinché l’auto non incorra in alcun tipo di problema.

Puzza di bruciato, difficoltà nel cambiare le marce, un pedale estremamente morbido e che non fa resistenza quando viene schiacciato, uno stridio nel momento del cambio. Sono tutti elementi che lasciando intendere che qualcosa non va nella frizione, e che è necessario fermarsi e far riparare l’auto.

Guidare con una frizione in cattivo stato è infatti pericoloso per l’autista, oltre che estremamente deleterio per l’auto; il rischio è infatti quello di andare a rovinare anche altre componenti del veicolo.

In questi casi, infatti, l’unica soluzione è affidarsi ad un esperto che sostituisca il gruppo di frizione: un’operazione che ha costi che possono essere particolarmente elevati e che richiede un certo tempo.

La situazione diventa ancora meno piacevole quando la frizione inizia a dare segni di cedimento in autostrada o lontano dai centri abitati, costringendo quindi l’intervento del soccorso stradale.

Frizione auto
Accelerator Pedal

Come mantenere la frizione in buono stato

La parola chiave per evitare queste situazioni è una sola: prevenzione. È necessario evitare di sottoporre la frizione a qualsiasi sforzo non necessario: è bene quindi evitare partenze a bruciapelo, deleterie per la frizione così come i cambi eccessivamente rapidi, che non rispettino i tempi del proprio mezzo di locomozione.

Spesso, specialmente i guidatori meno esperti, rischiano di rovinare le frizioni anche con partenze in salita scorrette.

Fondamentale è calibrare per bene l’accelerazione, in modo tale da inserire la prima senza far spegnere l’auto, ma senza neanche mettere sotto sforzo eccessivo la frizione.

Vale la pena prendersi un po’ di tempo in più per eseguire questa manovra in modo corretto, senza rischiare di sentire il fastidioso odore di bruciato che accompagna una frizione messa sotto sforzo.

Cambio marcia

Altro elemento da non trascurare è poi – ma questo vale per ogni componente della propria auto – la manutenzione: far sì che il proprio mezzo sia regolarmente controllato da esperti, in grado di valutare attentamente lo stato di usura della frizione ed eventualmente cambiarne alcuni componenti può evitare danni ingenti all’auto.

Dati i danni elevati che può causare una frizione malmessa, è sicuramente più economico, oltre che sicuro, affidarsi a controlli periodici, piuttosto che aspettare che questa si rovini del tutto.