Home » Fiat Tipo, pronto il nuovo modello: finalmente anche per chi vive in montagna

Fiat Tipo, pronto il nuovo modello: finalmente anche per chi vive in montagna

Oggi parliamo del nuovo modello della Fiat Tipo, una macchina che è diventata un’icona del nostro vivere quotidiano, una tra le più popolari e che tutti conosciamo. O almeno, così sembra.

Cosa aspettarci dalla nuova versione della Tipo? Sicuramente una macchina dai connotati estetici più sportivi e aerodinamici, rispetto alle versioni conosciute finora. Trattasi, infatti, di una versione cross, come preannunciato.

LA nuova Fiat Tipo ibrida, versione Cross, tutta da scoprire.

Oltretutto, non mancano le novità sul piano tecnico. Si può dire insomma che la Fiat, con l’attuale versione della Tipo, abbia voluto innovare, al punto tale da renderla irriconoscibile sotto il profilo dell’innovazione.

Considerazione che possiamo fare già a partire dal motore, uno scattante ed efficiente motore ibrido Power Trade, con potenza di 130 cv e 240 Nm di coppia, e con un’iniezione diretta a 350 bar.

La configurazione ibrida

La visione posteriore angolata della nuova TIpo Cross, in una delle sue versioni disponibili.

Volendo discorrere, nello specifico, della configurazione ibrida enunciata, diciamo innanzitutto che la nuova Tipo dispone di due motori elettrici, dei quali il primo è sovrapposto a quello termico, avente funzione di starter. Quanto al secondo motore elettrico, è a 48 Volt, e aggiunge 20 cv di potenza, consentendo alla Tipo di procedere autonomamente, in elettrico. La batteria, agli ioni di litio, è collocata all’interno del tunnel centrale, esplica una potenza di 0,8 kWh, e pesa 13 kg.

la sua configurazione ibrida è predisposta, tra l’altro, in modo da arrecare un’accensione al veicolo del tutto discreta e silenziosa, mostrando innovatività anche nel presente dettaglio.

Il motore Power Trade, consente una trazione totale del veicolo, con un esercizio della propria potenza, trasmesso a tutte le ruote, posteriori e anteriori.

Grazie al sistema ibrido, si consideri, per il 47% del tempo, il motore a benzina rimane spento. Il sistema a 48 Volt è integrato nel cambio a doppia frizione e 7 rapporti, e ciò comporta che la spinta elettrica avvenga sempre nell’immediato, senza né interferenze, né incertezze, con una continuità garantita.

Il medesimo sistema, inoltre, consente di sfruttare integralmente i 240 Nm della potenza motore, altro aspetto per niente scontato. E’ infatti possibile, già con un’andatura media, sfruttare la settima marcia, in modo tale da sfruttare in modo ottimale il motore e ridurre ulteriormente il livello dei consumi.

 

Il display della nuova tipo

Grazie poi al comodo e funzionale display, possiamo vedere sia il livello d’erogazione della potenza, così da tenerne d’occhio le prestazioni in qualsiasi momento, sia la carica residua della batteria, con una visibilità comoda e agevolata dei dati di sistema. Riguardo alla lettura della potenza, abbiamo un’ulteriore annotazione da fare.

Il display, infatti, che si contraddistingue altresì per precisione d’esposizione, si coordina alla perfezione con le peculiarità del sistema ibrido. Esso distingue, con un’apposito aerogramma, la percentuale di potenza derivante dal motore termico da quella derivante dal comparto elettrico, in modo che l’utente possa regolarsi in merito all’erogazione.