Home » Mercedes c63 amg, con l’ibrido vola come una Lamborghini: 680 cv di pura potenza

Mercedes c63 amg, con l’ibrido vola come una Lamborghini: 680 cv di pura potenza

La C63 amg S E Performance, la nuova uscita di casa Mercedes, promette delle prestazioni esaltanti. Ogni nuova uscita automobilistica targata Mercedes è un evento, ed ora non se ne fa eccezione. Ben 680 cv di potenza per il motore ibrido di ultima tecnologia.

Il nuovo modello evolutivo di Mercedes C63 è all’insegna del rinnovo e del passaggio all’elettrificazione. Anche se, come per le altre componenti la classe C, si è fatto a meno del motore V8, installato regolarmente sulle versioni di punta della Casa automobilistica, come ad esempio la GT 63 S E Performance da 843 CV, anche in tal caso non si è lesinato sulla dotazione tecnica. 

La nuova Mercedes C63 amg, presentata in anteprima il 21 settembre.

Con il powertrtain plug-in hybrid da 680 CV e 1.020 Nm, le performances sono assicurate, come espresso altresì dal nome. La C63 amg costituisce, per come già accennato, il passaggio verso l’elettrificazione, a partire dalla base a 4 cilindri delle versioni benzina e diesel. La nuova C63, inoltre, verrà proposta sia nella versione berlina che in quella station wagon.

 

L’aspetto estetico

La Mercedes C63 amg, in versione berlina, nella sua prova su strada.

Sebbene si noti una certa somiglianza con la C43, a conti fatti, la C63 ha un design decisamente più ampio. Si consideri, al riguardo, che si tratta del modello di gamma maggiormente esteso in lunghezza e in larghezza. Il frontale, nello specifico, è più lungo di 50 mm, vista la distribuzione spaziale delle prese d’aria.

La carreggiata risulta più lunga di 76 mm, e il passo di 10 mm, sempre con riferimento alle precedenti versioni. La nuova vettura ospita degli pneumatici più ampi, in vista di una superiore stabilità e tenuta su strada. A rigor di logica, anche il parafanghi ha dovuto adeguarsi nelle dimensioni per accogliere i nuovi pneumatici. I cerchi in lega di serie previsti sono da 19”, mentre come optional troviamo quelli da 20”, fucinati.

Una chicca: nel frontale sono ben nascosti due Air Panel attivi, i quali modificano la propria posizione in relazione alle esigenze del sistema di raffreddamento. Per il resto, tra gli interni si distinguono fin da subito i prestigiosi sedili sportivi, il volante Performance AMG con display integrato. Inoltre, troviamo le grafiche personalizzate dell’Mbux ad abbellire e a rendere originale l’abitacolo.

 

La dotazione tecnologica

Oltre al display integrato sul volante, troviamo anche quello centrale relativo alla programmazione della strumentazione disponibile a bordo, oltre all’head-up display. Presenti inoltre, ben otto modalità di guida, elencate di seguito. Electric, Comfort, Battery Hold, Sport, Sport+, Race, Slippery e Individual, valorizzeranno a dovere ogni possibile condizione d’uso del veicolo, in base alle necessità.

 

L’aspetto tecnico

Se la precedente Classe C Mercedes impiegava il motore V8 4.0 biturbo, con la presente si è voluto offrire un’alternativa, economizzando in fase di costruzione, ma offrendo al tempo medesimo una configurazione che possa soddisfare, in termini di rapporto qualità/prezzo. Il motore quattro cilindri 2.0 turbobenzina M139, 476 CV e 545 Nm, con turbina maggiorata in dotazione, si combina, nell’attuale versione ibrida, con il motore elettrico da 204 cv con cambio a due marce dedicato.

Inoltre, il primo motore è supportato da un ulteriore motore elettrico, con il compito di supportare la sovralimentazione elettrica. Esso è alimentato dal sistema a 400 Volt di bordo. Oltre alla diversa configurazione, maggiormente efficiente, sono stati offerti 170 cv in più della versione precedente.