Home » Multe, arriva il nuovo dispositivo: ti beccheranno sicuramente | Non puoi scappare

Multe, arriva il nuovo dispositivo: ti beccheranno sicuramente | Non puoi scappare

Arriva un nuovo tipo di Autovelox e gli automobilisti sono già terrorizzati. Si tratta di un dispositivo che non rileva la velocità…ma il suono.

Si chiama autorumox. Il nome sembra super tecnologico e rievoca nomi di medicinali o roba simile. Ma non ti aspetti che il suo compito non sarà quello di misurare la velocità nei modi più innovativi, bensì quello di misurare il suono. E non verrà applicato solamente nelle autostrade, ma soprattutto in città.

Autovelox
Tempi duri per gli automobilisti, già vessati da autovelox e tutor

La guerra contro i rumori un tema molto battuto da attivisti e istituzioni: l’inquinamento acustico è un serio problema. Chi è esposto quotidianamente e per lungo tempo a forti rumori può sviluppare danni permanenti all’udito ma anche avere problemi di concentrazione, salute mentale e soprattutto problemi a prendere sonno durante la notte. Ne abbiamo parlato nel caso delle auto che circolano con il volume dello stereo troppo alto, ma è un tema ricorrente soprattutto nelle sere dei weekend, con la cosiddetta movida dei locali frequentati dai giovani.

La Legge quadro n. 447 del 26 ottobre 1995 ha fissato dei limiti ben precisi ai decibel permessi nelle diverse zone del territorio urbano, anche se alla fine dei conti è stata una legge di difficile se non nulla applicazione. Salvo sporadici controlli che fanno notizia appunto per quanto sono rari, la verità è che chi vive in aree rumorose è costretto purtroppo a convivere con questa realtà, o a trasferirsi.

Ebbene, la buona notizia per i cittadini è che contro i rumori causati da auto, moto smarmittate e clacson selvaggi nei centri urbani è in arrivo l’autorumox. Questo nuovo dispositivo è già attivo in altri Paesi europei come la Francia e la Danimarca, e si appresta ad arrivare anche in Italia.

Come funzionerà l’Autorumox e che cosa si rischia

L’autorumox è un apparecchio che funziona in modo paragonabile all’autovelox, ma invece di rilevare la velocità esegue una misurazione fonometrica. Può essere impostato in vari modi: per rilevare i suoni forti e di breve intensità come clacson e schiamazzi, ma anche quelli persistenti come musica dal vivo troppo alta, lavori edili fuori norma.

Una volta registrato un suono di un volume in decibel oltre la soglia, le telecamere di cu è dotato possono scattare foto delle targhe del veicolo o delle persone che eseguono schiamazzi o producono volontariamente suoni molto forti. A quel punto le autorità possono intervenire mandando pattuglie sul posto o eseguendo una contravvenzione automatica come avviene con l’autovelox.

In Francia è già stato disciplinato e sarà applicato nelle grandi città e nei centri storici a partire dal 2023. Una brutta notizia per tutti coloro hanno terminali sportivi rumorosi applicati a moto e scooter, ma una buona notizia per chi vive nei centri storici dove impera ormai la movida selvaggia, e dormire è diventato un lusso che sperimenta solo in rare occasioni.

Autorumox: misurazioni ambientali
Autorumox: misurazioni ambientali in Francia. Ph@Corriere.it

Sono previste multe da 135 euro che saranno recapitate a casa dell’automobilista o conducente di veicoli a motore al ari di quelle per eccesso di velocità.