Home » Benzina a 1,30: finalmente arriva la conferma in queste ore | Italiani in festa

Benzina a 1,30: finalmente arriva la conferma in queste ore | Italiani in festa

Sono entrati in vigore da oggi, 30 settembre, nuovi prezzi di benzina e diesel in Slovenia. Il provvedimento sarà temporaneo e terminerà il 10 ottobre prossimo, ma solo al di fuori dalla rete autostradale.

Nuovi prezzi decisamente allettanti e attualmente impensabili da noi in Italia, che abbiamo superato più volte i 2 euro al litro in questi mesi, in cui è avvenuto anche un evento senza precedenti che nessuno avrebbe mai ipotizzato potesse mai accadere, ovvero che il costo al litro del diesel ha superato quello della benzina. Attualmente da noi i prezzi sono ancora alti, nonostante i ripetuti tagli delle accise operati dal Governo Draghi, e nulla si può avvicinare all’allettante prezzo del carburante che in questi giorni verrà venduto in Slovenia.

Prezzi benzina

Fare rifornimento in Slovenia costerà solamente 1,353 euro al litro per il gasolio, mentre la benzina costerà 1,603 euro al litro. In particolare è la benzina a scendere maggiormente di prezzo, con un risparmio di 8 centesimi rispetto ai prezzi precedenti.

I prezzi del carburante nei distributori che si risiedono sulla rete autostradale saranno decisi dagli stessi gestori degli impianti di distribuzione.

Rifornimento in Slovenia: conviene…ma non sempre

Ma cosa significa questo per gli italiani? Per gran parte di essi assolutamente niente, del resto si parla dei prezzi della benzina in un altro Stato. Ma non bisogna dimenticare che la Slovenia confina con l’Italia, precisamente con la regione del Veneto. La Slovenia è molto vicina a città importanti come Trieste e Udine, e praticamente attaccata a Gorizia. Per molti abitanti di quelle zone è praticamente più facile andare in Slovenia che a Venezia.

Non sorprende quindi che quando ci sono queste importanti differenze nei prezzi dei beni di prima necessità, molti si facciano i calcoli e decidano di farsi un viaggetto per andare a fare il pieno di benzina o di gasolio, specialmente se parliamo di grandi SUV  e berline con enormi serbatoi e meglio ancora furgoncini e tir. Ovviamente più è grande l’entità del rifornimento, e più ogni singolo viaggio diventa conveniente.

Ciò è stato reso possibile grazie alla delibera del governo sloveno , col leader del partito del centrosinistra Movimento Libertà Robert Golob che ha deciso di far fronte al periodo nero con un ulteriore calo del costo dei carburanti.

Prezzi alla pompa

E per chi non potesse andare in Slovenia per risparmiare sul pieno? Consigliamo di provare le Pompe Bianche, di cui vi parliamo qui.

La Slovenia è solo una delle nazioni che sta operando forti riduzioni dei costi. l’UK ha dimezzato le bollette, pagando la metà della bolletta di ogni cittadino, e altri Paesi come Belgio e Spagna stanno attuando manovre simili. L’unica che sembra stia rimanendo a guardare i cittadini in difficoltà e costretti a chiudere le proprie imprese sembra l’Italia.