Home » Questo componente della macchina non l’hai mai usato in modo corretto: ti sorprenderà il suo reale utilizzo

Questo componente della macchina non l’hai mai usato in modo corretto: ti sorprenderà il suo reale utilizzo

Il freno di stazionamento (chiamato volgarmente freno a mano) è un freno supplementare rispetto a quello del sistema principale a pedale e serve a tenere ferma l’auto quando è in sosta o parcheggiata. Ogni macchina deve averlo e dev’essere funzionante. Non usarlo correttamente può causare grosse conseguenze.

Il freno a mano è storicamente di tipo meccanico e nella stragrande maggioranza di auto in circolazione agisce sulle ruote posteriori, a prescindere che le auto siano a trazione anteriore o posteriore. Da sempre è stato azionato con una leva, posta immediatamente dietro al cambio e lungo l’albero di trasmissione. Ci sono rare eccezioni in cui il freno di parcheggio agisce sulle ruote anteriori, per esempio sui primi modelli di Autobianchi A112 e sulle Citroën GS e 2CV. Sulle auto più moderne il suo azionamento non è più meccanico ma digitale, quindi al posto della classica leva troviamo un tasto o un pomello, sistema molto usato dalle ultime Mercedes.

Freno a mano

Il freno di stazionamento va usato sempre quando si parcheggia l’auto, per evitare che si sposti da sola. Ma uno dei suoi utilizzi diventato celebre, seppur non previsto da chi lo ha originariamente inventato, è l’esecuzione di curve a gomito nelle gare di rally. Questo è possibile proprio perché il freno a mano agisce esclusivamente sul retrotreno, bloccando le ruote (non ha un sistema ABS).

Se questa manovra si esegue a velocità mentre si sterza in curva secca, la vettura agirà come un compasso che punta sull’avantreno, facendo slittare il posteriore e vincendo la forza centrifuga che spingerebbe l’auto verso l’esterno della curva. Questo permette ai piloti di eseguire curve a una velocità molto superiore di quanto si potrebbe fare normalmente, evitando di rallentare prima di imboccare la curva. Purtroppo molti giovani emulano questi comportamenti sulle strade pubbliche, ma è una manovra assolutamente vietata dal CdS e molto pericolosa, e infatti molti di essi finiscono per cappottare o peggio ancora fuori strada, spesso contro muri o altre auto, con tragiche conseguenze.

A cosa serve il freno a mano

Come dice la stessa parola del suo nome reale, per l’appunto Freno di Stazionamento, serve a immobilizzare l’auto quando sta parcheggiata, soprattutto se parcheggiata in pendenza. Ingranare la marcia può bastare a bloccare l’auto quando sta in pianura, ma non è affatto un sistema efficace. Basta una forte pendenza o un piccolo urto e l’auto si sposterà con una pendenza, e una volta iniziata la marcia potrebbe non fermarsi così facilmente.

C’è poi una serie infinita di casi di automobilisti distratti che scendono un momento dall’auto dimenticandosi di azionare il freno di stazionamento, e quando si è in pendenza l’auto inizierà a scivolare. E allora auguri….impossibile fermare a mani nude un’auto da una tonnellata o più che scivola e va prendendo sempre più velocità. In questi casi l’unica manovra che si può tentare è raggiungerla ed azionare i freni aprendo lo sportello o dal finestrino. Ma è sempre rischioso. Questo tipo di video sono tra i preferiti nelle compilation di Paperissima Sprint. Ve ne postiamo uno qui sotto.

Se non volete finire anche voi a Paperissima, ricordatevi di azionare sempre il freno di stazionamento!