Home » 5000€ di multa e arresto, non puoi più circolare: ti rovinano la vita

5000€ di multa e arresto, non puoi più circolare: ti rovinano la vita

Se hai determinate abitudini, intese come modalità per circolare che sono obiettivamente sbagliate, ti conviene rivederle. A tal fine, eviterai innanzitutto degli eventuali incidenti, ma anche pesanti sanzioni. Sono infrazioni che molti considerano in realtà delle abitudini, ma, oltre a portare spiacevoli conseguenze in generale, possono portare al pagamento di un’ammenda pari a circa 5.000 euro, anche in assenza di sinistro. 

Vediamo quindi da quali comportamenti dannosi stare alla larga per non incorrere nella corrispettiva sanzione. Anche se spesso si minimizza, esse rientrano fra le infrazioni più comuni. Molte potrebbero non a caso corrispondere a delle abitudini, altre decisamente meno. Apprestiamoci dunque ad effettuare una valutazione di determinati atteggiamenti, e se vale la pena compierli.

Non guidare mai in determinate condizioni, potresti andare incontro a brutte sorprese – solomotori.it

 

Partiamo dalle possibili infrazioni, fra quelle più comuni, che prevedono un esborso, in termini pecuniari, per la sanzione, minore. E’ il caso del divieto di sosta, con 43 euro di multa, così come per la mancata esibizione del disco orario nel parcheggio a pagamento (ricordiamoci sempre di esibirlo, sarebbe un peccato prendere una multa al riguardo, specialmente se il ticket è stato emesso). Poi, per chi ha necessità d’indossare le propri lenti da vista durante la guida, e non ottempera a quello che diventa un obbligo, dal momento che la necessità in questione è riportata sulla patente, la sanzione arriva a 83 euro.

Anche nell’ultimo caso considerato, si potrebbe benissimo fare a meno di tenere il suddetto atteggiamento, non credete? Magari molto spesso si tratta di un’abitudine, dirigersi alla macchina per guidare e senza aver indossato i propri occhiali, ma è un’abitudine facilmente modificabile. Basta solamente un po’ di buona volontà. Stesso importo anche per la guida senza casco in moto, e per il mancato allacciamento della cintura di sicurezza in auto. Certo, nei suddetti due casi la differenza è palpabile. Nel caso della guida senza casco, alla sanzione pecuniaria s’aggiunge il fermo del veicolo; mentre, nel caso della cintura non allacciata, l’episodio conterà ai fini di un’eventuale recidiva, con sospensione della patente.

 

Gli altri casi d’infrazioni comuni da evitare

Un’auto sfreccia in corrispondenza di una zona con controllo elettronico della velocità – solomotori.it

E’ assolutamente vietato guidare in presenza di condizioni che impediscano, anche soltanto temporaneamente, alla persona di essere nel pieno della propria attitudine psico-fisica. Potrebbe trattarsi di un braccio fasciato, ad esempio, o ad un esaurimento in fase di cura. La sanzione è di 87 euro. Nel caso di patente non rinnovata, scatta la multa di 158 euro, che si somma al ritiro della patente stessa. Qualcosa di non meno importante, anche se molte volte non si pensa al comportamento come un’infrazione, tenere acceso il motore della macchina durante la sosta. Può sembrare una sciocchezza, ma infrange una delle normative sulla tutela ambientale, e pertanto il comportamento è sanzionato con ben 223 euro di multa!

Sempre bene ricordarsi di effettuare la revisione del veicolo per non incorrere nel pagamento di 173 euro di sanzione pecuniaria. Anche l’uso di cellulari o apparecchi simili durante la guida può costare abbastanza caro: la multa è di 165 euro, ma con possibilità di sospensione patente, qualora si registri una recidiva entro due anni dalla prima infrazione riscontrata. Vi sono poi i vari casi di eccesso di velocità, che partono con una sanzione di 173 euro (entro i 40 km/h oltre il limite), per arrivare a 543 euro più la sospensione della patente per superamento del limite di una velocità compresa tra 40 e 60 km/h. Fino ad arrivare a superamento del limite per oltre i 60 Km/h con 845 euro di multa più sospensione, e, in caso di recidiva, revoca della patente (dovrà essere ripresa daccapo).

Infine, la guida pericolosa è, purtroppo, da annoverare tra le infrazioni più comuni, con sanzione per euro 5.000 e l’arresto. Altrettanto costosa la guida senza patente, con sanzione di 5.100 euro al diretto interessato, cui si aggiunge una sanzione apposita per il proprietario, responsabile dell’affidamento incauto del veicolo, per un importo di 397 euro.