Home » Patente, da oggi addio ai fastidiosi esami: finalmente si prende con una semplice richiesta | Ecco cosa serve

Patente, da oggi addio ai fastidiosi esami: finalmente si prende con una semplice richiesta | Ecco cosa serve

In Italia è un atto una serie di riforme legate al mondo dei trasporti per preparare la rivoluzione che avremo tra circa una decina d’anni, quando inizierà a completarsi la transizione ai veicoli green. Ma anche biciclette elettriche e monopattini sono stati interessati da novità, mezzi sempre più utilizzati in alternativa all’auto o allo scooter endotermico.

L’Italia deve inoltre uniformarsi alle normative europee per quanto concerne viabilità e pratiche burocratiche adatte alle nuove realtà di movimento green. Molto spesso, infatti, il nostro Paese si dimostra un dinosauro in quanto alla burocrazia legata a qualsiasi ambito, e nel nostro ambito specifico in quello per ottenere licenze di guida, per rinnovarle o per eseguire l’upgrade, come per esempio per la patente della moto.

patente moto

Il decreto Mims, convertito in legge recentemente dalla Camera, sta in tal senso aggiornando le normative legate alla circolazioni di mezzi quali bici a pedalata assistita, trasporto pubblico, e rilascio e rinnovo delle patenti di guida.

“Con la conversione in legge del decreto Mims, il secondo varato in poco più di dieci mesi, si rafforza ulteriormente il vasto insieme di riforme approvate negli ultimi 18 mesi e orientate a realizzare una trasformazione sistemica e integrata delle infrastrutture e dei sistemi di trasporto, in linea con le politiche europee del Green deal e l’impegno del Ministero per la sostenibilità e la riduzione delle disuguaglianze”, ha dichiarato il  ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini.

Patente moto, addio agli esami

L’Unione Europea ci ha chiesto di velocizzare e snellire le pratiche per il conseguimento delle varie patenti e il Governo Italiano ha risposto presente.

Per velocizzare il rilascio della patente, delle abilitazioni professionali e del certificato di idoneità professionale, d’ora in poi gli esami potranno essere effettuati da tutti i dipendenti del Mims, opportunamente formati, non solo dagli uffici preposti della motorizzazione.

Da agosto è infatti molto più facile ottenere la patente moto A3, ovvero quella per guidare moto di qualsiasi cilindrata e potenza. Chi ha già conseguito la patente A1 o la A2 (che si può prendere alla maggiore età) potrà dire addio all’ulteriore esame di guida. Sarà invece sufficiente seguire una lezione di teoria della durata di 7 ore presso una qualsiasi autoscuola.

Patetente A1, A2 e A3

Bisogna però evitare di fare confusione. Specifichiamo che tale regola vale solo per chiunque abbia conseguito una delle suddette patenti, non per chi voglia prendere la A3 da zero. Per tutti gli altri, le regole rimarranno infatti le stesse.