Home » Benzina a 0,014 euro, ecco dove è successo: tutti a fare il pieno

Benzina a 0,014 euro, ecco dove è successo: tutti a fare il pieno

Errore di distrazione o operazione commerciale voluta mascherata da grossolano sbaglio? Non è dato saperlo…fatto sta che il caso della pompa di benzina che vendeva il carburante a soli €0,014 ha  fatto grande notizia e naturalmente ha attirato l’attenzione degli automobilisti in zona, che si sono fiondati a mani basse attratti dalla ghiotta occasione.

Qui non si tratta di un centesimo o una decina di centesimi in meno, ma di una percentuale infinitesimale del costo al litro della benzina. Se pensiamo infatti che il prezzo di benzina e diesel in questi masi ha toccato le assurde vette di 2,5 euro al litro, un prezzo di 0.014 euro al litro non è solo conveniente, è praticamente regalare il carburante. Per questo appare difficile pensare che non sia stato un “errore voluto”.

Coda benzinaio

Inutile dire che una volta che i primi automobilisti si sono accorti dell’affare, errore o meno, si sono fiondati a fare man bassa della ghiotta occasione, avvisando amici e parenti dell’allettante possibilità di un risparmio quasi totale.

Come si possa pensare che sia stato un errore è difficile. Se fosse stato così, i gestori della pompa si sarebbero dovuti accorgere, quanto meno insospettiti dall’enorme fila che si era venuta a creare. Ma dove è successo nello specifico?

Benzina regalata a 0,014 euro: ecco dove è successo

Ma dove è successo questo fortunoso evento (per gli automobilisti) e tragico errore (per i gestori della pompa). Purtroppo le cose belle non succedono mai da noi in Italia. Da noi al massimo fa notizia il caso del salto sul cavo del distributore per rubare benzina. L’episodio si è consumato in Finlandia, a Turku, in un distributore dell’etichetta statale ABC (da non confondersi con l’emittente televisiva americana).

La cosa interessante è che il “guasto” si è verificato in ben tre stazioni di servizio diverse della città finlandese, cosa che lascia pensare a un problema centralizzato nella gestione dei prezzi. Appare dunque probabile che gli addetti si siano accorti del malfunzionamento ma che non abbiano potuto porre rimedio per via del sistema delocalizzato. Ma perché non chiudere le pompe?

Inevitabilmente, le persone si sono presentate con enormi auto con grandi serbatoi da riempire, camion, furgoni e taniche aggiuntive, come ha pensato bene di fare un possessore di una BMW Serie 7 che ha portato nel bagagliaio diversi recipienti aggiuntivi.

Prezzo stracciato alla pompa.
Prezzo stracciato alla pompa. L’incredibile episodio accaduto in Filnlandia.

Il giovane proprietario pare sia riuscito a fare ben 200 litri di rifornimento, pagando solamente meno di 3 euro. C’è poi chi ha dimostrato assoluta mancanza di vergogna riempiendo una cisterna da 1000 litri installata su un furgone pickup, per un conto di appena 14 euro. Assurdo.