Home » Autovelox, c’è un trucco che usano tutti i furboni della strada: non prendi più mezza multa

Autovelox, c’è un trucco che usano tutti i furboni della strada: non prendi più mezza multa

La multa per eccesso di velocità con autovelox è forse quella più mal digerita dagli automobilisti. Benché l’eccessiva velocità su strade e autostrade è ormai risaputo e comprovato che sia una delle maggiori cause di incidenti mortali, sembra che in pochi vogliano accettare questa verità e si sentano immuni dai rischi connessi.

Abbiamo sempre tutti fretta, troppa fretta e poco tempo. La soluzione che ci viene in mente per sfuggire alla tenaglia del tempo tiranno che ci sembra sempre insufficiente è spesso quella di correre con la macchina. E così si sforano spesso i limiti di 50 Km/h in città (a volte clamorosamente raddoppiando la velocità consentita) e quelli autostradali, che possono variare 130 Km/h fino a scendere a 80 Km/h in alcuni tratti o per mezzi pesanti.

Autovelox mobile-solomotori.it

Eppure spesso il guadagno di tempo che otteniamo dall’aumento di velocità oltre i limiti è appena trascurabile, ma non ce ne rendiamo conto. Se mettessimo sulla bilancia i pro e i contro dell’aumento di 20 km/h in più in autostrada su un limite di 130 Km/h per un viaggio di un’ora, scopriremmo che il tempo risparmiato sul viaggio è di appena una decina di minuti al massimo, ma il rischio di perdere il controllo dell’auto decuplica, e i consumi di carburante possono crescere vertiginosamente per via dell’attrito dell’aria, specialmente su macchine voluminose.

Basterebbe quindi invece mettersi in viaggio una decina di minuti prima e risolvere il problema alla radice, evitando tutti i rischi e gli inconvenienti connessi nel superamento dei limiti, tra cui appunto la multa per eccesso di velocità con autovelox, che può essere decisamente salata e farci rimpiangere di aver schiacciato troppo il piede sull’acceleratore, e quando arriva la multa, anche di farci piangere.

Il trucco (illegale) per scampare alla multa con autovelox

Diversi automobilisti s’ingegnano quindi per evitare di beccarsi una multa con autovelox, e per farlo utilizzano i metodi più stravaganti. C’è chi usa la tecnica del CD-ROM attaccato allo specchietto retrovisore, che in caso di flash della fotocamera integrata nell’autovelox dovrebbe rendere la foto inutilizzabile per via del riflesso, e chi invece prova a taroccare la targa.

Il trucchetto è semplice: con un nastro adesivo si altera una lettera o un numero della targa, facendo ad esempio diventare un 5 un 8, oppure un U una J. Teniamo a specificare che si tratta di un reato e che la redazione di Solomotori.it si dissocia completamente con qualsiasi comportamento illecito atto a infrangere il Codice della Strada e il Codice Penale.

Ma tant’è, che non è una pratica poco frequente, e benché sia un tentativo disperato di farla franca, succede che qualcuno venga sorpreso, come successo a un uomo che nonostante sia riuscito a sfuggire alla foto dell’autovelox, non era sfuggito alle indagini degli agenti della Polizia Stradale, che insospettiti dalla ricerca della targa finita senza riscontro, hanno eseguito ulteriori indagini riuscendo a risalire alla targa del mezzo e all’identità del proprietario.

Targa manomessa

Il codice dice che: “Chiunque circola con un veicolo munito di targa non propria o contraffatta è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 2.046 ad euro 8.186” e che “Chiunque falsifica, manomette o altera targhe automobilistiche ovvero usa targhe manomesse, falsificate o alterate è punito ai sensi del codice penale”. L’articolo 102 del Codice della Strada, recita inoltre che: “Chiunque circola con targa non chiaramente e integralmente leggibile è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 42 ad euro 173” (ipotesi che, per esempio, potrebbe avvenire qualora la targa fosse sporca di fango).

Nel caso del nostro malcapitato, che ha tentato goffamente di giustificarsi, salvo poi ammettere la contraffazione gli agenti hanno disposto la confisca della targa e fermo amministrativo del mezzo per tre mesi, oltre a un’ammenda da  2000 euro. Forse era meglio pagare la multa per eccesso di velocità…