Home » Ztl, finalmente puoi dire addio alle multe: ecco il trucco da mille e una notte

Ztl, finalmente puoi dire addio alle multe: ecco il trucco da mille e una notte

Evitare multe nelle zone a traffico limitato (Ztl) sembra impossibile. Eppure c’è un comune che ha iniziato ad andare controcorrente, ecco qual è…

Ingresso in Ztl non soggetto a sanzioni pecuniarie. Sembra un sogno, ma è realtà e il cambiamento è partito dal 1° ottobre 2022: non riguarda però tutti i veicoli e occorre quindi informarsi nel migliore dei modi. Si tratta di un provvedimento valido non solo per residenti e lavoratori, ma anche per studenti e tutti coloro che si spostano anche solo di pochi metri o chilometri. Il copione cambia completamente a partire da una prima zona d’Italia: si tratta di Milano ed in particolare dell’area C. Nel nuovo provvedimento infatti si parla di alcune vetture che possono accedere gratis alla ZTL pagando il ticket di 5 euro. Un’auto che non possiede il biglietto, non può entrare. Nel caso in cui dovesse comunque farlo, rischia di prendere una multa.

Deroghe a partire dal 1° ottobre 2022 per accessi in Ztl
Deroghe a partire dal 1° ottobre 2022 per accessi in Ztl

E’ la prima volta ed è una decisione quasi sorprendente: sono esenti dal pagamento i possessori di auto che non superano le emissioni di CO2 stabilite (100 g/km), ovvero le cosiddette Hybrid, i Suv full Hybrid ed auto elettriche. Per le full Hybrid, invece, c’è il pagamento di un solo euro, ma si evita completamente la multa. Con questi provvedimenti vengono quindi limitati i passaggi in Ztl alle utilitarie e alle auto di più vasta cilindrata. Insomma, è un invito alla tendenza e all’ottimizzazione dell’utilizzo dell’auto nel rispetto dell’ambiente: i nuovi modelli di auto dovranno contenere quanto più possibile le emissioni di anidride carbonica per poi procedere verso un adeguamento sul piano normativo.

Modifiche ingressi in Ztl: da Milano alle piccole città?

A stupire ad ogni modo è il fatto che le modifiche nelle ZTL e l’adesione al nuovo regolamento siano arrivati da una grande metropoli, il cuore pulsante del commercio e dell’industria. Adesso chissà quali saranno le altre città metropoli o non, a seguire l’esempio di Milano, adeguandosi ai nuovi parametri.

Accessi Ztl, cosa cambia a Milano
Accessi Ztl, cosa cambia a Milano

Altre deroghe sempre su Milano riguardano le persone che hanno deciso di di sostituire la propria autovettura inquinante (e quindi soggetto al divieto di accesso in Ztl) con un mezzo a basso impatto ambientale sottoscrivendo un contratto di acquisto, leasing o noleggio a lungo termine. Questi possessori di auto potranno continuare ad accedere in zona Area B e Area C fino alla consegna del nuovo veicolo, e comunque non oltre il 30 settembre 2023, compilando la richiesta di deroga all’ingresso in Ztl sul sito del Comune di Milano. La concessione della deroga vale anche per i tassisti e i titolari di licenza d’esercizio di NCC.