Home » Autogrill, la notizia drammatica: chiude i battenti così | Non c’è stato nulla da fare

Autogrill, la notizia drammatica: chiude i battenti così | Non c’è stato nulla da fare

Gli autogrill svolgono un servizio fondamentale nella rete di trasporti e spostamenti. Offrono supporto e ristoro a milioni di automobilisti e autotrasportatori che viaggiano a ogni ora del giorno (e della notte) sulle nostre autostrade, per lavoro, per fornire merci alle attività commerciali e alle aziende, e per i motivi più disparati. Eppure anche loro sono a forte rischio, come migliaia di attività, anche e soprattutto per la crisi finanziaria e il caro bollette.

Con bollette dell’energia elettrica e del gas che in molti casi sono quadruplicate rispetto a quelle dell’anno scorso nello stesso periodo, appare chiaro che se già siamo tutti in difficoltà, un autogrill che deve – per natura stessa del tipo di attività che svolge – stare aperto 24/7 con luci, climatizzazione/ riscaldamento e cucina sempre in funzione, abbia vita non dura…durissima. E restare aperti senza finire coi conti in rosso appare davvero impossibile.

Autogrill generico

Abbiamo già documentato della storia chiusura di uno storico autogrill nell’entroterra siciliano, una terra già in difficoltà per quanto riguarda strade, autostrade e aree di servizio, ma ora è il turno di una nuova vittima.

Questa volta è toccato all’autogrill di Pisanova, che chiude battenti lasciando a casa 15 lavoratori, che metteranno in difficoltà le rispettive quindici famiglie.

La chiusura dello storico autogrill di Pisanova: colpa della crisi?

“Il locale Autogrill di Pisanova chiude i battenti la metà di questo mese” , questo è l’allarme lanciato con preoccupazione da Francesca Grassini, Claudia Vargiu e Irene Cesari, rispettivamente per conto delle rispettive sigle sindacali Filcams Cgil Pisa, Fisascat Cisl Pisa e Uiltucs Toscana.

“E’ di pochi giorni fa la comunicazione da parte dell’Azienda – spiegano -, lasciando i 15 lavoratori che vi sono addetti in una situazione di assoluta incertezza sulle sorti del loro posto di lavoro, così come non chiare sono le informazioni che hanno portato alla decisione di chiusura”.

Ci sarebbero stati problemi con la locazione del fondo di Pisanova. L’allarme lanciato dai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs

“Sembra che Autogrill, avesse ricevuto lo sfratto dalla proprietà del fondo Immobiliare Il Cobra srl proprietario dell’immobile, e che l’unica opzione presentata per risolvere il contenzioso proposta dall’immobiliare fosse la rescissione del contratto. Nelle richieste della società, inoltre, era incluso il ripristino dei locali allo stato di origine, cosa che avrebbe richiesto ai gestori dell’autogrill una chiusura ancora più anticipata per eseguire le operazioni di ripristino.

“Non vorremmo che si volesse evitare di chiarire che qualche altra impresa subentrerà ad Autogrill, in modo da non consentire il passaggio dei lavoratori e quindi la salvaguardia dell’occupazione. Per queste ragioni abbiamo chiesto e svolto un incontro con l’Amministrazione Comunale affinché si attivi per cercare di capire la reale situazione, così come analoga richiesta è stata indirizzata alla Prefettura di Pisa che dobbiamo ancora incontrare. Autogrill sta provando ad offrire ai lavoratori alcune alternative, ma si tratta di alternative lontane da casa più di 50km”. Queste le dichiarazioni delle associazioni sindacali.

Autogrill Pisanova
Autogrill Pisanova costretto alla chisura. Ph@Pisatoday

“Proprio in questo momento difficile per il nostro Paese e la nostra economia si sta creando un grave problema di emergenza occupazionale che vorremmo assolutamente fosse scongiurato. Non riteniamo giusto che questi 15 lavoratori siano sbattuti fuori così, dall’oggi al domani e senza una spiegazione chiara” concludono dai sindacalisti in merito all’argomento.

Di certo, tutte le imprese italiane stanno vivendo una situazione dura, ma gli autogrill, per la loro stessa natura di aree accessibili 24/7, stanno rischiando grosso e nei prossimi mesi potremmo assistere a chiusure a catena per evitare il fallimento.