Home » Auto “dimenticata” in un parcheggio, dopo 40 anni il proprietario la ritrova così | Incredibile

Auto “dimenticata” in un parcheggio, dopo 40 anni il proprietario la ritrova così | Incredibile

E’ successo in Veneto ed è una storia incredibile: ecco le condizioni di un’auto rimasta ferma per 50 anni, parcheggiata davanti l’edicola del suo proprietario. Persino il governatore Luca Zaia la ricorda.

Una storia che è ormai entrata nel cuore dei cittadini di Conegliano, piccolo comune del Veneto dove tra l’altro è nato Alessandro Del Piero, e di tutta Italia. E’ quasi una leggenda quella della Lancia Fulvia parcheggiata in via Zamboni: appartiene al signor Angelo Fregolent, nato nel 1927, e tutto inizia esattamente nel 1974. In quell’anno Fregolent e sua moglie Bertilia Modolo acquistano l’auto, immatricolata nel 1970, e la parcheggiano di fronte alla loro edicola in via Zamboni.

La mitica Lancia Fulvia del signor Fregolent a Conegliano, prima del trasferimento
La mitica Lancia Fulvia del signor Fregolent a Conegliano, prima del trasferimento

Ebbene, l’auto è rimasta in quel luogo per ben 47 anni. Prima di acquisire l’edicola il signore che oggi ha 95 anni aveva lavorato per la Fiat come meccanico, sia a Conegliano che a Treviso, per poi trasferirsi in Germania. Successivamente, dopo aver conosciuto la futura moglie, aveva gestito anche un’osteria e dieci anni dopo è avvenuto l’acquisto dell’edicola, tenuta in gestione per ben 40 anni. Con la loro Lancia Fulvia davanti, con il contachilometri fermo a quota 20km, bollo e assicurazione sempre pagati. Pazzesco. Ma che funzione aveva quest’auto, che oggi ha ancora la carrozzeria originale, seppur un po’ arrugginta? Il signor Fregolent ha raccontato in molte interviste che serviva a scaricare i giornali nel bagagliaio. 

La Lancia Fulvia di Conegliano nel cuore degli italiani e non solo

“L’auto è un nostro cimelio”, ha dichiarato la coppia parlando della loro auto, una vera e propria compagna di avventure, a seguito della vendita dell’edicola anche a causa dell’età molto anziana dei due. “Questa attenzione mediatica, queste chiacchiere e le persone che ci vengono a trovare sono un bellissimo regalo per la nostra vita“, hanno aggiunto rispondendo ai media locali e non solo. I cittadini di Conegliano hanno addirittura organizzato una raccolta fondi per finanziare il restauro completo della Fulvia. E c’è di più…

Il signor Fregolent e la sua Lancia Fulvia
Il signor Fregolent e la sua Lancia Fulvia

La storia della Fulvia ha fatto davvero il giro del mondo incuriosendo milioni di persone. Molti turisti che negli anni hanno visitato il Veneto hanno raggiunto Conegliano apposta per immortalare la vettura. Ad ottobre 2021 è stata però spostata dopo una vita a causa delle decisioni comunali in merito all’utilizzo stradale. E’ stata quindi caricata su un carro attrezzi e portata al salone Auto e Moto d’Epoca di Padova. Due giorni di gloria. Dopo il bagno di folla la vettura è stata invece trasportata in un’officina di Vincenza per essere restaurata e infine tornare a casa, a Conegliano. Per lei è stato pensato uno spazio speciale all’interno del giardino della Scuola Enologica Cerletti, che Angelo e Bertilla vedono dalla finestra della loro casa.