Home » Non fare mai il pieno così alla tua auto, il rischio è altissimo: rischi di rompere tutto | Facciamo tutti questo errore

Non fare mai il pieno così alla tua auto, il rischio è altissimo: rischi di rompere tutto | Facciamo tutti questo errore

A 18 anni, ovvero alla maggiore età, non vedi l’ora di prendere la patente per poter finalmente guidare l’auto. Per i giovani questo equivale spesso a un lasciapassare per la libertà, soprattutto per coloro i quali non hanno avuto una minicar, uno scooter o una moto 125cc. Ma prendere la patente non è una preparazione sufficiente a sapere gestire un’auto. Ci sono moltissime informazioni tecniche da conoscere per gestire l’auto e soprattutto per non rovinarla. Una di queste riguarda una cosa molto semplice: il rifornimento di carburante.

Non avresti mai pensato che fare rifornimento richiedesse chissà quale preparazione tecnica. In fondo per molti basta sapere se devono mettere benzina, gasolio o gas. Questa cosa è molto importante perché sbagliando già si potrebbe rovinare il motore.

Rifornimento carburante

Quasi tutti sanno infatti che non si può mettere il gasolio nei motori benzina, rischiamo di rovinare irrimediabilmente il motore. Invece l’operazione inversa è non solo possibile senza recare danni, ma se fatta ogni tanto porta pure dei benefici. La benzina infatti funge da lubrificante degli iniettori dei motori diesel common rail, rimuovendo tutte le impurità.

Per il resto, ci sono molti miti sui modi migliori per fare rifornimento di carburante con l’auto. Le leggende metropolitane basate sul passaparola degli automobilisti più esperti si sprecano, ma la verità è che c’è spesso molta ignoranza a riguardo e i consigli non si basano quasi mai su evidenze tecnico scientifiche, oppure si basano su sistemi delle auto ormai obsoleti e in disuso, quindi i vecchi consigli semplicemente non sono più validi per le auto moderne, anzi talvolta possono essere pure controproducenti e dannosi.

C’è chi fa benzina a 10 euro alla volta, perché pensa che così se ne consuma di meno. In parte non è così sbagliato, perché avendo pochi litri in serbatoio certamente stai più attento ai consumi ed eviti di prendere l’auto per occasioni non indispensabili, ma d’altro canto è anche vero che con l’auto sempre in riserva si va a pescare sempre dal fondo, che potrebbe contenere dei detriti che rovinano col tempo gli iniettori.

0Fare sempre il pieno può essere controproducente

D’altro canto, l’inverso può essere anche dannoso allo stesso modo ma per altri motivi. Quando si fa il pieno, specialmente nelle auto con grandi serbatoi, è logico che la benzina o il gasolio permangano nel serbatoio più a lungo nel tempo, specialmente quando non prendiamo l’auto così spesso, oppure quando la prendiamo solo per brevi tragitti pochi giorni a settimana.

Ebbene, quello che forse non sapevi, è che la benzina ha una sorta di data di scadenza. Per una questione chimico-fisica che non staremo qui a spiegare, la benzina tende a evaporare ma anche a sedimentare. Gli esperti calcolano che già dopo sei mesi di stoccaggio nel serbatoio senza che nulla si muova, la benzina inizia a sedimentare sul fondo e a perdere le sue proprietà. Ne consegue che l’auto avrà prestazioni peggiori, e che i sedimenti si andranno a depositare sul fondo e quando si è in riserva si andrà a pescare proprio quel tipo di carburante non perfettamente fluido.

Pieno. I consigli per tutelare il motore

Ecco perché è meglio non fare il pieno se l’auto non si usa spesso. Meglio riempirla al massimo a 1/4 del serbatoio. Per questo motivo è buona norma prendere l’auto o accendere in motore anche un paio di volte ogni tre mesi se deve stare ferma per lunghi periodi. Basta un’accensione del motore o le sollecitazioni naturali del moto per far muovere il carburante e bloccarne la sedimentazione.