Toyota Prius Plug-in Hybrid: 50 chilometri di autonomia con il motore elettrico

Di , scritto il 21 Febbraio 2017

Toyota Prius Plug-in Hybrid è la seconda generazione della Prius plug-in che ai tempi (nel 2009) non aveva riscosso grande successo commerciale, forse per mancanza di infrastrutture per la mobilità elettrica

La nuova Prius Plug-in, che in Italia arriverà a giugno, ha una notevolissima autonomia in sola modalità elettrica di 50 km (secondo quanto dichiarato dalla Casa). Permette anche di ricaricare la batteria principale di trazione mediante il motore termico e di sfruttare un nuovo sistema di ricarica solare sul tetto, che fa salire l’autonomia in modalità elettrica di 5 chilometri al giorno (in media). La nuova Prius plug-in raggiunge i 135 km/h in modalità elettrica (molti di più dei precedenti 85 km/h) con consumi assai contenuti: un litro basta per 100 chilometri nella modalità combinata.

Sotto il profilo strutturale la nuova Prius Plug-in è basata sullla nuova piattaforma Tnga, un baricentro assai basso e una nuova barra stabilizzatrice.

Le prestazioni della nuova Prius plug-in sono buone: può raggiungere i 162 km/h di velocità massima, e passa da 0 a 100 km/h in 11.1 secondi. Si può scegliere fra tre modalità di guida – Normal, Power ed Eco – e quattro impostazioni per la trasmissione: ibrida, elettrica, elettrica in città e la nuova “Battery Charge” per ricaricare la batteria principale durante la marcia.

La lunghezza della vettura è di 4,64 metri e la capienza è di quattro persone, con un bagagliaio di 360 litri, che però possono salire a 1204, abbattendo i due posti posteriori.

Il prezzo del nuovo veicolo dovrebbe aggirarsi sui 40.000 euro, ma non è ancora stato dichiarato ufficialmente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009