Massimale delle Rca: il (brutto) segno dei tempi

Di , scritto il 21 Maggio 2007

car crash

Una delle clausole più importanti del contratto Rca è il massimale: l’importo massimo risarcito in caso di incidente. Quello minimo di legge è di 775.000 euro. Per esempio, se io provoco un sinistro grave, la mia Compagnia mi rimborsa fino a 775.000 euro; il resto – nel caso di rimborso più alto – lo tiro fuori io di tasca mia.

Che cosa è successo di recente per indurre le Assicurazioni a offrire massimali più alti? Semplice: con l’euro, i prezzi sono raddoppiati; sicché anche i rimborsi post incidente sono più elevati, e il massimale minimo di legge garantisce poco. Ci sono stati incidenti con gravi danni a cose e persone (serie lesioni permanenti, morti), e gli assicurati – sforando il massimale e non avendo il denaro per risarcire – han dovuto girare un quinto dello stipendio mensile alle Compagnie. Proprio per evitare drammi economici e psicologici del genere, le Assicurazioni si tutelano, offrendo Rca con massimali di 2.000.000 di euro, 5.000.000, addirittura 50.000.000 milioni.

Risultato: le Rca con massimali più alti sono più care. Ma si deve spendere di più per garantirsi maggiormente.

foto canyoncrashers


1 commento su “Massimale delle Rca: il (brutto) segno dei tempi”
  1. […] Rca costano sempre di più. Per questo, impazzano le polizze con guida esclusiva. Si tratta di questo. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009