Brno: a Crutchlow una corsa pazza, bagnata e anglo-sassone

Di , scritto il 21 Agosto 2016

Brno: a Crutchlow una corsa pazza, bagnata e anglo-sassoneDominio anglo-sassone a Brno in occasione dell’edizione 2016 del GP di Brno, con la vittoria di due piloti britannici e di un tedesco.

Vediamo le gare nel dettaglio.

MotoGP: È finita con Iannone, dominatore della gara, che si deve accontentare dell’8° posto e Cal Crutchlow sul gradino più alto del podio, questa pazza pazza pazza corsa del GP della Repubblica Ceca.

Il britannico passa alla cassa e capitalizza la scelta giusta dei pneumatici che gli valgono la vittoria larga, con oltre 7″ di vantaggio su un sempreverde Valentino Rossi e su Marc Marquez sempre sulla breccia.

Da lì in poi una parata di 5 Ducati che coprono e monopolizzano tutte le posizioni ai piedi del podio, a partire dalla 4.a fino all'(.a di un bravissimo Iannone, per contro tradito proprio dalla scelta dei pneumatici.

Chi invece affonda nella laguna di Brno è Jorge Lorenzo, che si classifica 17° subendo addirittura l’umiliazione del giro di distacco.

I tre piloti che sono finiti sul podio hanno operato rimonte da favola, che hanno costituito il motivo di maggior interesse e passione della gara. Basti pensare a quanto ha dichiarato Marquez, che ha ammesso di aver pensato a cambiare la moto dopo i primi giri, quando occupava la 12.a posizione, ma che poi si è convinto a concentrarsi unicamente sulla gara vedendone l’evoluzione.

La gara di Brno si è rivelata però transitoria ai fini del Mondiale: l’unico a beneficiarne (si fa per dire) è Valentino Rossi, che ha guadagnato 4 punti rispetto a Marquez, e stabilizzandosi al secondo posto dietro allo spagnolo, il quale si consola pensando che un’altra gara è passata.

La classifica per il titolo 2016 vede sempre in testa Marc Marquez con 197 punti, seguito a quota 144 da Valentino Rossi e da Jorge Lorenzo con 138. Iannone è 6° con 96 punti e Dovizioso 8° con 79.

Moto 2: Nessun Italiano sul podio in Moto 2 questa domenica, nella gara vinta dal tedesco Jonas Folger. Il primo dei nostri piloti è stato Mattia Pasini, giunto al traguardo oltre 14″ dopo il vincitore. La piazza d’onore è stata conquistata dallo spagnolo Alex Rins a 5″175, mentre sul terzo gradino del podio è salito Sam Lowes ad oltre 9″ da Folger.

In classifica conserva il comando Johann Zarco con 181 punti, davanti a Rins (162) e Lowes (137).

Moto 3: È John Mc Phee su Peugeot, il vincitore della gara, e infligge distacchi perentori agli avversari, in una corsa che in definitiva ha visto ben 3 italiani tra i primi 5.

Il britannico taglia il traguardo con 8″806 di vantaggio sulla Mahindra dello spagnolo Jorge Martin, e 9″777 su Fabio Di Giannantonio, che ha sperato fino all’ultimo di soffiargli la seconda piazza. Fuori dal podio, rispettivamente in 4.a e 5.a posizione, Enea Bastianini e Niccolò Antonelli. 9° Bulega a 16″473. Al 5° giro esce dai giochi il leader della classifica mondiale Brad Binder, sicché col suo 10° posto guadagna qualche punto Jorge Navarro.

Delusione per il 12° posto di Andrea Migno. Gli altri Italiani arrivati al traguardo sono stati Spiranelli (22°) e Petrarca (24°).

Nella classifica del campionato del mondo guidata da Binder con 179 punti, davanti a Navarro con 118, Enea Bastianini, con 94 punti supera Fenati (93) lasciato a piedi da Sky Racing Team e VR46.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009