Manutenzione della moto: come effettuarla in sicurezza

Di , scritto il 22 Luglio 2019

Con l’arrivo dell’estate gli appassionati di moto si godono i piaceri di piegare, ginocchio a terra, nei bellissimi circuiti naturali che si snodano per la penisola facendosi accarezzare dal vento e sfidando anche il sole più rovente. La moto, è risaputo, dà un senso di libertà come nessun altro mezzo e rappresenta un’icona per coloro che ne posseggono una. È chiaro, però, che la passione non basta: la moto, come ogni altro veicolo, necessita di manutenzione continua per funzionare al meglio e per avere una maggiore vita. Solitamente il motociclista è anche il primo meccanico della propria moto e può in totale autonomia occuparsi del proprio mezzo: ovviamente, non tutte le operazioni sono semplici per cui potrebbe essere necessario l’intervento di personale qualificato.

Manutenzione ordinaria

La manutenzione del proprio motoveicolo è di vitale importanza per il giusto funzionamento di ogni parte del mezzo, oltre che per la sicurezza dello stesso e di chi lo conduce. Un primo passo importante da seguire è quello di prendere in considerazione il manuale d’uso e manutenzione della moto. All’interno del manuale è possibile trovare pratici consigli per tenere la moto sempre in forma e inoltre vi sono specificate importanti informazioni sulla tipologia degli oli e dei lubrificanti necessari per motore, freni e quant’altro. Per svolgere i lavori in totale sicurezza è opportuno dotarsi di un sollevatore moto idraulico; uno strumento capace di farci lavorare in sicurezza senza alcun rischio ed all’altezza che più desideriamo. Il costo di questi strumenti è molto contenuto e possono essere reperiti con facilità. Dunque, con qualche attrezzo, come chiavi e pinze, un sollevatore idraulico ed il nostro libretto d’istruzioni, possiamo già cimentarci nella nostra manutenzione che a questo punto possiamo distinguere in “regolare”, cioè da effettuare ad intervalli precisi, e “a necessità”, da effettuare periodicamente quando il motoveicolo ne necessita.

Interventi regolari

Fondamentalmente, gli interventi regolari da effettuare su di una moto sono riconducibili al cambio oliofiltro olio candele e verificare il gioco valvole. A questi interventi si devono aggiungere il liquido dei freni, l’olio delle forcelle e il liquido di raffreddamento, senza dimenticare la pulizia del filtro dell’aria, la lubrificazione dei cuscinetti e dei biellismi e l’allineamento dei carburatori. Quest’ultime operazioni spesso vengono effettuate solo quando la moto ha cali di prestazione o presenta problemi oggettivi. La manutenzione regolare di queste componenti evita questo tipo di problemi e consente alla moto di rendere meglio e vivere più a lungo. È ovvio che anche le componenti che solitamente si usurano o rompono nel tempo necessitano di essere controllate regolarmente, anche se l’intervento ricade prettamente negli interventi a necessità e non in quelli regolari. Sebbene queste operazioni possano rappresentare una spesa consistente, il consiglio è quello di utilizzare oli e lubrificanti che garantiscano buone prestazioni ed una certa qualità per non compromettere il giusto funzionamento del motoveicolo.

Interventi “a necessità”

In questa categoria possiamo includere l’usura degli pneumatici o il deterioramento dovuto a lunghi periodi di fermo che necessitano dunque la sostituzione, il controllo e l’eventuale sostituzione di pastiglie e dischi dei freni, la catena di distribuzione o il cardano per le moto che adottano questa soluzione, la frizione e la batteria. Freni e dischi hanno solitamente una durata molto elevata per cui si possono percorrere anche 50/70 mila chilometri, con i dischi, senza avere alcun problema e circa 10 mila con le pastiglie; in entrambi i casi, ovviamente, abbiamo tenuto in considerazione pastiglie e dischi di buona qualità ad un prezzo medio, per un costo compreso intorno alle 100 euro per tutte le coppie di pastiglie e sui 200 per ogni disco. Importante anche lo stato di usura della catena di distribuzione: nonostante sia un componente abbastanza longevo per natura è sempre opportuno verificarne l’usura ed eventuali altri problemi al fine di non incappare in incresciosi problemi conseguenti alla rottura che oltre a lasciarci a piedi, può creare danni consistenti.


1 commento su “Manutenzione della moto: come effettuarla in sicurezza”
  1. Elena ha detto:

    Giustissimi consigli per cominciare un viaggio con la giusta tranquillità


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009