Bonus governativi anche per moto e scooter elettrici

Di , scritto il 22 Ottobre 2013

scooter-elettrici-bmwOttime notizie per tutti coloro che, pur essendo attenti ai consumi e alla cura dell’ambiente, non vogliono rinunciare al piacere di guidare una ‘due ruote’. Il governo Letta ha infatti deciso di stanziare importanti finanziamenti volti a incentivare l’acquisto di moto e scooter elettrici.
Il ministero per lo sviluppo economico ha destinato importanti somme per appoggiare tutti coloro che sono intenzionati ad acquistare una moto o uno scooter a emissioni zero, sia privati che aziende.

Scegliere uno scooter o una moto elettrici approfittando degli incentivi statali non è però l’unica maniera per risparmiare cifre considerevoli sui costi di gestione della propria ‘due ruote’. Come ben sanno i motociclisti, una delle voci più gravose per il bilancio annuale dei costi di gestione è rappresentata dalla polizza per la responsabilità civile, obbligatoria per tutti coloro che circolano sulle strade pubbliche italiane.

Risparmiare sul premio dell’assicurazione moto è però possibile: sul mercato sono disponibili decine di offerte vantaggiose, basta saper trovare quella più adatta alle proprie esigenze. Una delle migliori maniere per trovare i preventivi assicurativi più vantaggiosi del mercato è quella di rivolgersi alle compagnie assicurative online come questa e trovare la migliore polizza per l’assicurazione della propria moto.

Acquistare uno scooter o una moto elettrica grazie agli incentivi diventa estremamente vantaggioso, in quanto si uniscono gli innegabili vantaggi economici immediati con quelli derivanti dal risparmio nel corso del tempo per il rifornimento del veicolo. A differenza dei normali motori termici, i propulsori elettrici hanno costi decisamente più ridotti per quel che riguarda il rifornimento. Gli incentivi statali sono diretti sia ai privati che alle aziende.
Per i privati, saranno concessi complessivamente 1,5 milioni di euro, da ripartire però tra auto, moto e scooter elettrici.

Per poter accedere agli incentivi per l’acquisto di uno nuovo, per moto e scooter elettrici non è necessario rottamare un veicolo usato. L’unico obbligo che ha l’acquirente di un veicolo elettrico a due ruote nuovo riguarda l’immatricolazione, che dovrà avvenire entro novanta giorni dall’erogazione del finanziamento.

Più sostanzioso il contributo riservato alle aziende. Il governo ha previsto incentivi anche per liberi professionisti e aziende, stanziando altri 3,5 milioni di euro per ditte e titolari di partite IVA. In questo caso, è però obbligatorio rottamare un veicolo usato per poter accedere agli incentivi per l’acquisto di una due-ruote elettrica.
Gli incentivi riguarderanno anche moto e scooter acquistati e poi concessi in leasing a terze persone.

Il piano di incentivi avrà durata triennale.
Per il biennio 2013-2014 l’incentivo corrisponderà al 20% del prezzo del veicolo, sino ad un massimo di 5000 euro.
Per il solo 2015, l’incentivo si ridurrà al 15% del prezzo del mezzo, con un massimo di 3500 euro.


2 commenti su “Bonus governativi anche per moto e scooter elettrici”
  1. Velina ha detto:

    Sto per comprare uno scooter elettrico ma il venditore fin ora non ha menzionato minimamente la questione dei bonus governativi.
    Siccome è chiaro che voi ne sapete di più degli uffici finanzieri (che sono andata a chiedere) potete dirmi per favore se è il venditore a dover fare lo sconto da 20% e poi chiedere i soldi dali stato oppure devo pagare il prezzo pieno e chiedere la dettrazione l’anno dopo con la dichiarazione dei redditi?
    Grazie mille

  2. jumpjack ha detto:

    Gli incentivi sono stati stanziati ad agosto 2012 per gli anni 2013, 2014 e 2015, non è mica una novità di quest’anno.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009