Porsche Taycan: granturismo 4 porte interamente elettrica

Di , scritto il 22 Ottobre 2018

Porsche Taycan è la nuova declinazione crossover della berlina quattro porte che sarà interamente elettrica e prodotta in serie.

Si tratta di una evoluzione davvero moderna della Porsche Panamera che dovrebbe avere un’autonomia di ben 500 chilometri a batterie cariche. Sotto il cofano due motori sincroni a magneti permanenti, che abbinati sviluppano una potenza di oltre 600 CV, consentendo un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,5 secondi e da 0 a 200 km/h in soli 12 secondi. La Taycan, che arriverà nel 2019, sarà alimentata con l?innovativa tecnologia a 800 V. Le ruote del veicolo sono alte, l’assetto è rialzato e la trazione è integrale.

Porsche ha grandissimi progetti per la sua gamma elettrica, con l’intenzione di investire 6 miliardi di euro nei prossimi 5 anni. Dal 2025 la metà dei modelli che Porsche prevede di produrre e vendere nel mondo saranno elettrici. Per la produzione di auto elettriche saranno costruiti dei nuovi stabilimenti e assunte migliaia di lavoratori.

Oltre a questo Porsche sta lavorando insieme ad altri costruttori (come BMW, Ford e Volkswagen) per creare una capillare rete di ricarica, sia in Europa che negli Usa. Per il lancio della Taycan, Porsche intende installare più di 2000 colonnine a corrente alternata presso alberghi e punti d?interesse di una ventina di nazioni.


1 commento su “Porsche Taycan: granturismo 4 porte interamente elettrica”
  1. Paolo ha detto:

    Questa nuova “moda” delle shooting brake potrebbe essere interessante (considerata anche la passione tutta europea di propendere verso le carrozzerie wagon) ma il fatto che una Porsche debba essere elettrica proprio non ce lo vedo…


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009