Capi tecnici per moto: Acerbis propone Adventure, la giacca per ogni stagione

Di , scritto il 23 Marzo 2015

Acerbis AdventureAbbigliamento da enduro, da avventura o per vivere la città con stile. Si chiama Adventure la nuova giacca per moto proposta da Acerbis, un capo tecnico dai particolari accattivanti e adatti a tutte le stagioni. Adventure si distingue sul mercato dei capi tecnici per moto grazie alle molteplici funzionalità. Questa giacca, dotata di marsupio, volumi braccia regolabili e sistema di ventilazione è l’ideale per correre sull’asfalto sia in estate che in inverno.

La sua caratteristica peculiare, è quella di potersi trasformare in pochi secondi in un gilet grazie alle maniche removibili, un particolare apprezzabilissimo per non soffrire le calde temperature estive, o semplicemente per sentire sulla pelle la brezza del vento primaverile.

Adventure sta spopolando soprattutto nel mercato delle crossover da viaggio. Cosa rende, davvero, questa giacca così speciale?
Innanzitutto Adventure di Acerbis è dotata di membrana antiacqua e di gilet trapuntato removibili, e – cosa non trascurabile per una giacca da moto –  dispone di protezioni omologate per spalle, gomiti e paraschiena. La ventilazione è assicurata da pannelli calamitati anteriori e posteriori a scomparsa, mentre, tramite i bottoni, è possibile regolare il volume delle maniche a seconda della temperatura esterna.

La vestibilità di Adventure è buona, il prezzo è concorrenziale (189 Euro) e la qualità della giacca ottima, ma questo capo tecnico riserva un ulteriore sorpresa. Gli appassionati dei viaggi on the road potranno apprezzare la tasca per sacca idrica posteriore alle giacca: l’ideale per non rimanere a corto di acqua nei lunghi tragitti.

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009