Mazda MX-5 nell’edizione speciale Cult

Di , scritto il 23 Maggio 2013

Mazda intende celebrare il grande successo della sua MX-5, realizzando un’edizione speciale denominata Cult.

La Mazda MX-5 è stata una delle spider più amate degli ultimi 24 anni, cioè da quando il primo modello è arrivato sul mercato. Oggi si mostra al pubblico in una speciale edizione limitata, che riesce a coniugare perfettamente eleganza e sportività. I tratti estetici distintivi della MX-5 Cult sono: tettuccio in tela marrone, nuovi profili per i paraurti, cerchi in lega da 17 pollici, finiture cromate alle maniglie e ai cerchi, rivestimenti interni in pelle con finiture color tabacco e argentate, pedaliera in alluminio, cromature al battitacco, ai bocchettoni d’areazione, e alla plancia. La dotazione tecnologica vanta la presenza di: radio CD/MP3 con comandi al volante e 6 altoparlanti, connettività Bluetooth e USB, navigatore con schermo touchscreen da 5.8 pollici, climatizzatore automatico, cruise control. Infine, i motori in dotazione sono: il 1.8 benzina da 126 CV sulla versione base, e il 2.0 da 160 CV sulla più ricca versione Sport.

La Mazda MX-5 Cult è realizzata soltanto in 100 esemplari, a rendere ancora più esclusivo l’allestimento. Le tinte disponibili per la carrozzeria sono Meteor Grey e Brilliant Black sulla Roadster e Stormy Blue sulla Roadster Coupé. I prezzi partono da 25.750 euro per la Roadster, fino ad arrivare ai 29.950 euro per la Roadster Coupé Sport.


1 commento su “Mazda MX-5 nell’edizione speciale Cult”
  1. […] intrattenuto giornalisti ed esperti con risultati e dati tecnici di cui abbiamo già scritto in questo articolo, la serata si è aperta in un clima decisamente più easy e dedicata a tutti gli amici Mazda, amici […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009