Formula 1, GP USA: strapotere Mercedes

Di , scritto il 23 Ottobre 2016

Formula 1, GP USA: strapotere MercedesLewis Hamilton davanti a Rosberg per una prima fila ancora monopolizzata dalle Mercedes e i suoi due piloti a lottare fino all’ultimo per contendersi il titolo di campione del mondo della stagione 2016.

Dietro a loro la coppia delle Red Bull che hanno preceduto le due Ferrari, con Vettel 6° e staccato di 1″359. Un po’ meglio di lui Raikkonen che comunque prende 1″131 dal pole-man.

Prestazione dunque non esaltante per la rossa che mira a chiudere la stagione senza troppi danni per concentrarsi poi sulla prossima nel tentativo di colmare il gap tecnico che attualmente la divide dalle avversarie.

In chiave mondiale piloti il tema è sempre il medesimo, con Hamilton all’attacco e Rosberg impegnato a contenerne gli ardori per mantenere il vantaggio in classifica che diviene sempre più rassicurante a mano a mano che ci si avvicina all’ultima gara.

Ieri durante le prove il pilota di casa è apparso determinato e ha inflitto 216 millesimi al compagno-rivale.

Questa la tabella relativa ai tempi in prova e alla griglia:

Formula 1, GP USA: strapotere Mercedes

Spicca l’unanimità delle scelte per le gomme Soft, effettuata infatti dalla totalità dei team.

Da notare anche la buona performance di Nico Hulkenberg che ha portato la sua Force India a ridosso dalle Ferrari, da cui risulta staccato di 270 millesimi infliggendo quasi mezzo secondo a Bottas (7°) e oltre 7 decimi al compagno di squadra Peres (11°).

Nella classifica del Mondiale, Rosberg a quota 313 precede Hamilton di 33 punti. Terzo è Ricciardo staccato di 101 lunghezze. Il primo dei ferraristi è Kimi Raikkonen (4°) con 170 punti, mentre Vettel è 5° a 165, a pari punti con Verstappen, in una classifica in cui 19 dei 24 piloti accreditati hanno conquistato almeno un punto.

Sono ancora al palo di partenza infatti i soli Gutierrez con la sua Haas, Ericsson e Nasr entrambi su Sauber e i due piloti Manor, Haryanto e Ocon.

Il prossimo appuntamento è previsto domenica prossima, 30 ottobre, col GP del Messico, a cui seguiranno il GP del Brasile il 13 novembre e la prova conclusiva ad Abu Dhabi 15 giorni più tardi.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009