Truffe sulle assicurazioni auto online: come evitarle e tutelarsi in 5 step

Di , scritto il 25 Luglio 2019
assicurazioni RC auto online

Le assicurazioni RC auto online hanno introdotto una più ampia possibilità di scelta. Come conseguenza, la concorrenza ha portato all’abbattimento dei prezzi delle polizze per l’auto. Basta connettersi online e trovare la risorsa giusta, per poter richiedere un preventivo per l’assicurazione auto in pochi click e confrontarlo con quello di tutte le altre Compagnie. Tuttavia, la convenienza non viene senza qualche rischio: la sottoscrizione di un contratto assicurativo online espone al rischio di cadere in qualche truffa. Un sito web ben congegnato, credibile e ben posizionato sui motori di ricerca, può mietere tante vittime che, a sorpresa, nel giorno di maggior bisogno, si ritrovano prive di copertura per la responsabilità civile del mezzo e a rischio sanzioni (anche penali).

Non c’è, però, d’avere paura nel sottoscrivere una polizza auto online: basta sapere come evitare le truffe e quali sono i controlli di routine da effettuare per tenersi alla larga dai siti che vendono assicurazioni fake.

Evitare le truffe sulle assicurazioni auto online in 5 passi

Fortunatamente, in soccorso degli automobilisti alla ricerca del risparmio con le assicurazioni online, arriva l’Ivass (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni). Oltre a raccogliere le segnalazioni degli utenti del web e a indagare sui siti sospetti, offre anche consigli utili su come evitare i raggiri online in tema di RC Auto.

Vediamo, dunque, quali sono le buone prassi da seguire e i controlli da effettuare prima di sottoscrivere una polizza sul web e pagare il premio.

1 – Truffe sulle RC Auto online: controlli da effettuare sul sito web della presunta compagnia o intermediario

Chiunque svolga attività assicurativa online (così come offline) deve essere una compagnia o un intermediario assicurativo. Come tale, ha l’obbligo di riportare alcune informazioni:

  • Dati identificativi dell’intermediario;
  • Posta elettronica certificata, indirizzo della sede, recapito telefonico e numero di fax;
  • Numero e data d’iscrizione al RUI (Registro Unico Intermediari assicurativi e riassicurativi).

Gli intermediari esteri dell’UE devono riportare, al posto dell’iscrizione al RUI, il numero d’iscrizione al registro dello Stato d’appartenenza e la dichiarazione di abilitazione all’esercizio dell’attività d’intermediazione in Italia (con il numero d’iscrizione all’apposito registro tenuto dall’Ivass: l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea).

In assenza di una di queste informazioni, il sito può essere considerato sospetto poiché non conforme alla disciplina dell’intermediazione assicurativa. La loro presenza, tuttavia, non dà la certezza che ci si possa fidare. Si dovranno effettuare altri controlli.

2 – Intermediari fake: controllo dell’iscrizione

Come si diceva, anche in presenza di tutte le informazioni prescritte dalla norma, non si può ancora essere certi dell’affidabilità del sito web di vendita di assicurazioni RC Auto. Il controllo successivo da effettuare è quello della corrispondenza tra i dati segnalati online e quelli presenti nel RUI. Ecco come fare:

  1. Copiare il numero di registrazione RUI presente sul sito web dell’intermediario.
  2. Andare alla pagina online del RUI ed effettuare la ricerca.
  3. Confrontare i dati.

3 – I siti Internet segnalati dall’Ivass

Per mettersi veramente al riparo dalle truffe sulle assicurazioni online, ove i precedenti controlli fossero andati a buon fine, si può procedere controllando che il sito al quale ci si vuole affidare non sia contraffatto, di società non autorizzate o sia stato segnalato dall’Ivass come non conforme. Dall’area consumatori del sito dell’Ivass si possono raggiungere tutti gli elenchi alle segnalazioni.

4 – Se chiedono il pagamento su carta ricaricabile o prepagata…

Anche una volta sottoscritta una polizza falsa, non è tutto perduto. Solitamente le truffe sulle assicurazioni si concludono (lato truffatore) con la richiesta di pagamento attraverso carta ricaricabile o prepagata. In altri casi, il pagamento richiesto è a favore di un soggetto non iscritto ai registri Ivass. Tutte queste sopra elencati sono richieste di pagamento irregolari. Pertanto vanno rifiutate.

5 – Per ogni ulteriore dubbio, c’è il numero verde Ivass

L’online è un mondo vasto e pieno d’insidie. Ma anche ricco di opportunità di risparmio. Per coglierle bisogna essere cauti, soprattutto qualora ci si voglia affidare a siti poco noti o a piccoli intermediari. Anche quando ci si vuole rivolgere direttamente alla Compagnia assicuratrice, c’è da stare attenti che il dominio del sito web sia quello giusto (e non solo che contenga, in qualche modo, il nome di una Compagnia famosa).

L’automobilista, per chiarire ogni dubbio, ha uno strumento a sua disposizione: il numero verde dell’Ivass. Componendo lo 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 -14.30, si parla con un esperto del Contact Center Consumatori, in grado di fornire una valutazione definitiva sul sito web dal quale vogliamo acquistare la nostra nuova polizza RC Auto al riparo dalle truffe.


2 commenti su “Truffe sulle assicurazioni auto online: come evitarle e tutelarsi in 5 step”
  1. Mara ha detto:

    Ottimi consigli per evitare situazioni veramente spiacevoli

  2. Fabrizio ha detto:

    Grazie mille per questi ottimi consigli!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009