Assicurazione auto: consigli per la scelta delle coperture accessorie

Di , scritto il 26 Luglio 2021

Per scegliere in maniera oculata le coperture aggiuntive per la propria polizza assicurativa occorre tenere presente l’utilizzo che si fa del veicolo, la zona di residenza o di lavoro, il fatto di disporre o meno di un garage per la notte. Le garanzie accessorie non sono obbligatorie, ma spesso convengono. Vi proponiamo qualche utile linea guida.

Oggi come oggi scegliere una polizza di assicurazione auto è relativamente semplice, grazie alla presenza online di utilissimi comparatori di offerte delle compagnie assicurative che permettono di destreggiarsi in un mare magnum di proposte grazie a comode interfacce che, a fronte di pochi input di dati restituiscono un ventaglio di offerte interessanti e personalizzate. Ad esempio, si stima che chi decide di scegliere l’assicurazione migliore su Assicurazione.it possa trovare un elenco di offerte valide in un tempo medio di 3 minuti, con reindirizzamento immediato verso il sito la compagnia vera e propria. Qualcosa di impensabile solo un decennio fa.

Detto questo, il sottoscrittore della polizza dovrebbe avere le idee il più possibile chiare a proposito delle coperture assicurative. Per legge è obbligatoria soltanto la responsabilità civile (RC), una voce in cui è soltanto possibile scegliere il massimale per la copertura, e che esiste anche nella versione RC auto familiare. Poi però si apre il capitolo più spinoso delle coperture opzionali e aggiuntive. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Copertura furto e incendio: spesso viene concessa “in omaggio” all’acquisto dell’auto. La polizza furto risarcisce nel caso in cui la vettura venga rubata o subisca danni nel corso di un tentativo di furto; non copre però gli oggetti lasciati nell’abitacolo. La polizza incendio copre i danni causati in modo generico dal fuoco, quindi anche da fulmini, cortocircuiti, surriscaldamento o scoppio del motore. Raccomandata soprattutto ai proprietari di auto di valore, specie quelle a gas.

Polizza cristalli: copre i danni derivanti dalla rottura (accidentale o provocata) e dalla sostituzione del parabrezza. Poiché non di rado il danno questo danno è provocato da rami di albero che cadono sull’auto, è consigliabile a chi parcheggia di frequentemente nei viali alberati o nei parchi.

Assicurazione contro atti vandalici: protegge l’auto da atti vandalici di natura generica, ad esempio a quelli subiti durante le manifestazioni e i cortei di protesta violenti. Solitamente il massimale è uguale al valore commerciale dell’auto.  

Garanzia accessoria contro gli eventi naturali: copre i danni derivanti da eventi atmosferici (grandine, vento, alluvioni) o terremoti. Non tutte le compagnie la propongono, e comunque per ottenere il risarcimento è necessario presentare le rilevazioni del centro meteorologico più prossimo a dimostrazione che la calamità naturale è realmente avvenuta.

Polizza per la tutela legale: in buona sostanza è un’estensione della polizza di base che copre i costi di eventuali spese legali a carico dell’assicurato durante un processo civile o penale, soprattutto in presenza di vittime o feriti. Consigliabile a chi viaggia molto per turismo, ma soprattutto agli agenti di commercio.

Estensione infortuni al conducente: copre eventuali danni subiti dal conducente in caso di sinistro (infatti che l’RC copre solo i danni causati a terzi e non il danno che il conducente procura a sé stesso).  Questa garanzia copre anche l’invalidità permanente e il decesso del conducente, e in tal senso garantisce ai familiari un risarcimento in caso di morte del conducente o di sua sospensione definitiva dell’attività lavorativa.

Estensione assistenza stradale: è una copertura che include l’assistenza stradale in caso di guasto meccanico o panne del veicolo, con invio di carroattrezzi e trasporto all’autofficina più vicina o anche presso un centro di assistenza ufficiale. Alcuni contratti rimborsano anche il pernottamento e il soggiorno nel caso di una riparazione che richieda parecchie ore, mentre altri offrono al conducente un’auto di cortesia.

Assicurazione kasko: è la più costosa in quanto copre qualunque tipo di danno, arrecato dal proprietario o da terzi, a condizione che la vettura sia in circolazione su strada. Esiste anche nella versione mini kasko, meno onerosa, che risarcisce però soltanto i danni provocati da un altro veicolo di cui si conosce la targa.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloMotori.it – Il mondo delle auto e dei motori supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009